a cura di Redazione Automobilismo - 29 marzo 2019

Targa provvisoria: cosa è, come funziona, come ottenerla e quanto costa?

Viene definita targa di cartone e serve a far circolare un veicolo in determinate condizioni ma per averla e utilizzarla bisogna rispettare regole ben precise. Vediamo insieme quali.
La targa temporanea, provvisoria, o ancora "di cartone" è un particolare tipo di targa indispensabile a far circolare un veicolo in determinate occasioni e per un periodo limitato di tempo. Si tratta di quei casi in cui il veicolo deveessere portato in una località per il collaudo, spostato per raggiungere luoghi di manifestazioni, mostre o a fiere autorizzate, utilizzato per eseguire verifiche di manutenzione o ancora trasportato per la esportazione. In tutti questi casi, infatti, il veicolo deve comunque essere provvisto dei documenti necessari all’utilizzo su strade aperte al pubblico. Se non siete in possesso di questi documenti necessari potete comunque ottenere una particolare deroga per circolare, o meglio, una targa provvisoria per un periodo limitato di tempo che vi consenta di circolare in regola con il Codice della Strada.

1 di 5
La targa provvisoria è una semplice targa in cartone a sfondo bianco con caratteri alfanumerici neri e riporta sul lato destro un riquadro a fondo giallo o arancione che ne indica la scadenza. Questa targa di cartone ha una validità di 60 giorni ma per particolari esigenze di sperimentazione di veicoli nuovi non ancora immatricolati può essere estesa la sua durata fino a un massimo di 180 giorni.
Per richiederla basta recarsi all'ufficio della Motorizzazione Civile o in una sede ACI e avviare tutte le pratiche per l’ottenimento. Nello specifico, al richiedente verrà rilasciato un documento di circolazione compilato nella sola parte contenente i dati personali. Questo documento dovrà essere compilato direttamente dall’intestatario del veicolo nella parte relativa ai dati tecnici e identificativi solo prima dell’utilizzo del mezzo.
A questo punto non rimane altro da fare se non pagare la cifra totale di 26,20 euro così suddivisi: un primo bollettino da 10,20 euro, da effettuarsi sul c/c n. 9001 e un secondo bollettino da 16,00 €, da effettuarsi sul c/c n. 4028. Non va però dimenticata una cosa molto importante. Per poter essere completamente in regola e ricevere la targa provvisoria, il veicolo dovrà essere coperto da assicurazione RCA. Polizze fatte appositamente per questo uso che hanno nella maggior parte dei casi una validità in termini di tempo limitata (inferiore ai 12 mesi).
Chiudiamo questo articolo ricordandovi che esistono anche delle sanzioni nel caso in cui veniste fermati con una targa promissoria non in regola. Secondo l’articolo 99 del Codice della Strada chi circola sprovvisto della targa provvisoria e del foglio di via è soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa da 25 a 335 euro; sanzione che può essere aumentata da 41 a 168 euro se non si paga in tempo o da 84 a 335 euro con la confisca del veicolo se non si è alla prima infrazione (recidiva).
Vuoi sapere di più sulla TARGA PROVVISORIA? Leggi il nostro articolo QUI
Vuoi sapere di più sulla VIGNETTA AUTOSTRADALE SVIZZERA? Leggi il nostro articolo QUI
Vuoi sapere di più sulla PATENTE DI GUIDA? Leggi il nostro articolo QUI
Vuoi sapere di più sulla REVISIONE AUTO? Leggi il nostro articolo QUI
Vuoi sapere di più sul PASSAGGIO DI PROPRIETA'? Leggi il nostro articolo QUI
Vuoi sapere di più sul BOLLO E SUPERBOLLO AUTO? Leggi il nostro articolo QUI
Vuoi sapere di più sulle GOMME INVERNALI? Leggi il nostro articolo QUI
Vuoi sapere di più sulla ECOTASSA ED ECOBONUS? Leggi il nostro articolo QUI
Vuoi sapere di più sulla AREA B DI MILANO? Leggi il nostro articolo QUI
Vuoi sapere di più sul TELEPASS EUROPEO? Leggi il nostro articolo QUI
Vuoi sapere di più sui SEGGIOLINI ANTIABBANDONO? Leggi il nostro articolo QUI
Vuoi sapere di più sulla TARGA ESTERA? Leggi il nostro articolo QUI
Vuoi sapere di più sul DIESEL? Leggi il nostro articolo QUI
© RIPRODUZIONE RISERVATA