a cura di Redazione Automobilismo - 13 marzo 2019

Peugeot 208: tutta nuova e anche elettrica

In vendita da settembre 2019 ma già ordinabile la nuova compatta francese si presenta con un design totalmente rinnovato, con interni ancora più ricercati e con motorizzazioni benzina e diesel, ma sopratutto con un'inedita versione a batteria.
1/17

Alla kermesse svizzera la Casa del Leone ha svelato davanti al gremito pubblico accorso per l'occasione la nuova Peugeot 208, la tanto attesa utilitaria che è pronta a sfidare la diretta concorrente francese, la nuova Renault Clio.

Sempre più 508

Seppure il nome è rimasto lo stesso, questa volta ci troviamo di fronte a un vero e proprio cambiamento tanto nel design degli esterni quanto in quello degli interni, che in entrambi i casi riprendono non poco dagli stilemi già visti sulla sorellona Peugeot 508. Fin dal primo sguardo saltano subito all'occhio le luci diurne a led e i fari a led a tre elementi verticali simili alla zampata del leone, il cofano motore con due marcate nervature, il robusto paraurti posteriore e l'evidente striscia brunita che collega i fanali posteriori. Negli interni, invece, fanno bella mostra di se il solito volantino, tagliato però nella parte superiore e inferiore per rendere visibile la strumentazione digitale, e lo schermo dell'infotainment con dimensione da 5, 7 o 10 pollici a seconda del livello di allestimento.

Benzina, diesel ma sopratutto elettrica

Fin dal lancio si potrà optare per motorizzazioni sia diesel che benzina. Sul fronte del gasolio l'unità a disposizione sarà un 4 cilindri 1.5 da 100 CV mentre sul fronte della verde si avrà a che fare con un 3 cilindri 1.2 da 75, 100 e 130 CV. Motorizzazioni affiancate da cambi manuali a 5 e 6 rapporti e da cambi automatici EAT8 con convertitore di coppia e 8 rapporti. Ma la vera novità risiederà nella versione a batteria, spinta da un motore elettrico da 100 kW (136 CV) e 260 Nm di coppia, installato sull'asse anteriore e alimentato da un pacco batterie da 50 kWh, sistemato sotto il pianale (nuova piattaforma CMP) e in grado di garantire un'autonomia totale di 340 km il nuovo ciclo di consumo WLTP. Tale pacco batteria potrà essere ricaricato in circa 23 ore tramite una rete elettrica domestica, in 8 ore con la Wall Box monofase da 7,4 kW, in 5 ore e 15 minuti con la Wall Box trifase da 11 kW e in meno di un’ora con le colonnine di ricarica rapida da 100 kW.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le utime Anteprime