di Giorgio Sala - 20 novembre 2019

RSQ8, l'Audi più imponente mai prodotta

La Casa di Ingolstadt toglie i veli alla SUV coupè più prestazionale dell’intera gamma. Equipaggiata con lo stesso 4.0 V8 turbo della RS6, la RSQ8 abbina performance da urlo a dimensioni mai raggiunte da una vettura di serie progettata da Audi Sport

1/18

1 di 2

In concomitanza con il Los Angeles Auto Show, Audi toglie i veli alla più performante della sua gamma di SUV. La RSQ8 si allarga di 1 cm nella zona anteriore e di 0,5 cm in quella posteriore, diventando così la “RS” più grande mai uscita dalla divisione Audi Sport. Equipaggiata con lo stesso V8 turbo da 4.0 litri di RS6 e RS7, la RSQ8 ha una potenza massima di 600 CV e una coppia massima di 800 Nm costante tra i 2.200 e i 4.500 giri/min; numeri che permettono di staccare lo 0-100 km/h in 3,8 secondi e lo 0-200 km/h in 13,7. La velocità è autolimitata a 250 km/h ma, con il Dynamic Package, il suv Audi può arrivare a 305 km/h. Nel pacchetto troviamo anche freni carboceramici da 440 mm e pinze a dieci pistoncini incastonati in cerchi da 23” e pneumatici da 295/35, quest’ultimi più grandi anche della R8. Le sospensioni elettromeccaniche sono dotate del sistema EAWS che minimizza il rollio della RSQ8 in curva, il sistema è collegato all’impianto mild-hybrid da 48 Volt presente sulla vettura. Come sugli allestimenti meno sportivi, la Q8 in versione RS è dotata di asse posteriore sterzante che “controsterza” di 5° nelle manovre a bassa andatura mentre arriva a 1,5° di sterzata a velocità più elevate.

1/18

Come ogni RS, le prestazioni da capogiro sono abbinate a un’estetica aggressiva. Nella zona anteriore il logo nero si mimetizza nell’enorme griglia single frame, mentre nella zona bassa del paraurti troviamo due grosse prese d’aria contornate da un “baffo” in fibra di carbonio che si sviluppa per tutta la larghezza del muso. Lateralmente troviamo dei passaruota pronunciati che accolgono i grandi cerchi da 23” mentre, nella zona posteriore, i due scarichi ovali tipici delle RS sono incastonati in un diffusore dalle dimensioni generose. Sotto ai due fanali posteriori trovano spazio due prese d’aria che enfatizzano il look aggressivo della RSQ8, così come lo spoiler pronunciato. Anche gli interni sono più aggressivi grazie all’utilizzo di materiali pregiati quali alcantara, fibra di carbonio e pelle Nappa.

A prestazioni da sportiva di razza, la RSQ8 abbina anche la possibilità di andare in fuoristrada grazie alle sospensioni con escursione regolabile fino a 90 mm. L’assetto è configurabile attraverso l’Audi Drive Select che, per la RSQ8, vede le mappature RS1 e RS2 completamente regolabili. Tra i parametri che si possono modificare troviamo: la trasmissione, la risposta del motore, lo sterzo, le sospensioni, l’asse posteriore sterzante e le valvole di scarico. Il grosso motore V8 strizza l’occhio ai consumi grazie alle tecnologie mild-hybrid e cylinder on demand.

La nuova Audi RSQ8 arriverà nel primo quadrimestre del 2020 con un prezzo d’attacco di 127.00 euro, appena 1.000 euro in più della nuova RS6.

1/18
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le utime Anteprime