Donkervoort D8 GTO JD70: in curva ti trita lo stomaco

Caratterizzata da un 5 cilindri da 420 Cv su soli 700 kg di peso, l’ultima evoluzione della sportiva olandese incurva raggiunge persino i 2 g di accelerazione laterale.

1/29

Il costruttore olandese Donkervoort ha pensato bene di realizzare un altro gioiello della sua scuderia. Denominata D8 GTO JD70, si tratta dell’ennesima sportiva di derivazione Lotus Seven che è stata concepita dal costruttore olandese per celebrare il settantesimo compleanno del fondatore Joop Donkervoort. Prodotta solamente in 70 esemplari a un prezzo di 198.000 euro l’uno, durante la presentazione ufficiale è stato svelato che la Donkervoort D8 GTO JD70 è spinta dal cinque cilindri turbo di 2,5 litri di origine Audi, capace di erogare ben 420 CV e 520 Nm, numeri scaricati a terra grazie a un cambio manuale a cinque marce, a un differenziale autobloccante e alle sole ruote posteriori.

Come se non bastasse la carrozzeria in fibra di carbonio e il leggero telaio in tubi di acciaio e alluminio le hanno permesso di fermare l’ago della bilancia a soli 700 kg, un peso veramente contenuto a tutto beneficio dell’handling e del piacere di guida. Non per niente la D8 GTO JD70 non solo è in grado di bruciare lo 0-100 km/h in soli 2,7 secondi ma anche di archiviare lo 0-200 km/h in 7,7 secondi e di raggiungere una velocità massima di ben 280 km/h. Ma l’aspetto sicuramente più importante è che la sua capacità di raggiungere in curva accelerazioni laterali del valore di ben 2 g un risultato reso possibile non solo grazie alla leggerezza ma anche per mezzo di sospensioni regolabili con geometrie derivate dalle corse, aerodinamica in grado di generare 80 kg di deportanza al posteriore e 50 kg all’anteriore e pneumatici standard Nankang AR-1 245/40 al posteriore e 235/45 all'anteriore. Chiudono il pacchetto meccanico un impianto frenante della Tarox con pinze a 6 pistoncini e dischi a margherita, il controllo di trazione e l'ABS da corsa Bosch (optional).

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le utime Anteprime