Nuova Audi Q5: punta alla perfezione

Rinfrescata nel design per un maggiore family feeling e impreziosita in abitacolo per essere ancor più tecnologica, la nuova Suv di Ingolstadt arriverà sul mercato nell’autunno del 2020 con un 2.0 litri 4 cilindri a gasolio da 204 Cv e un prezzo indicativo di 48.700 euro.

1/42

Ventata di freschezza

La Casa dei Quattro Anelli ha finalmente svelato il restyling del suo Suv di maggiore successo. Stiamo parlando della Audi Q5 che, presentata solo tre anni fa, beneficia ora del classico restyling di metà carriera. A cambiare sono principalmente alcuni dettagli estetici, per meglio allinearsi al family feeling degli ultimi Audi Q, Q8 in primis, e qualche finitura negli interni, così da renderla ancor più elegante ed esclusiva. Ma partiamo dall’aspetto estetico. Fin dal primo sguardo all’anteriore non passano di certo inosservati il single frame ottagonale ora più in superficie e di maggiori dimensioni, le prese d’aria laterali che guadagnano in dimensioni e accolgono inserti trapezoidali e i fari a Led anteriori con la nuova firma luminosa delle luci di marcia diurna. Scivolando nella vista laterale saltano all’occhio la maggiore altezza da terra, la silhouette più sinuosa e i passaruota rimodellati. Affacciandosi al posteriore spiccano un nuovo diffusore, un inedito elemento di congiunzione dei gruppi ottici e luci posteriori con tecnologia OLED digitale.

Un design insomma molto più in linea con quanto visto per tutti i nuovi Suv della casa tedesca a partire dalla Q8 che, come dicevamo, si fregia per la prima volta al posteriore della tecnologia di illuminazione OLED di nuova generazione, un sistema a diodi organici a emissione di luce estremamente efficiente che genera una superficie di luce particolarmente omogenea. Una firma luminosa divisa in tre sezioni di sei segmenti ciascuna perfetta per eseguire progetti di illuminazione personalizzati con un alto grado di precisione e un'ampia variabilità che si avvale non solo di indicatori di direzione dinamici ma anche del sensore di rilevamento di prossimità che modifica la firma del fanale OLED ogni qualvolta un utente della strada si avvicina a meno di due metri dall’auto parcheggiata.

A tutta tecnologia

Entrando in abitacolo la prima cosa che salta all’occhio è il nuovo display MMI touch da 10,1 pollici con feedback acustico e comandi vocali che fa a meno del classico rotellone sul tunnel centrale, sostituito ora da un vano ripostiglio. Display che cela al suo interno la nuova piattaforma modulare di infotainment di terza generazione (MIB 3), che offre una potenza di elaborazione dieci volte superiore al suo predecessore, il MIB 2. Dietro al volante trova posto un cruscotto convenzionale oppure l’Audi Virtual Cockpit (optional), un display digitale da 12,3 pollici ad alta risoluzione con tre diversi layout grafici, e subito dietro l’head-up display (optional) che proietta le informazioni sul parabrezza.

Praticamente invariata nelle dimensioni esterne, se non per la lunghezza che cresce di 19 millimetri a causa solamente dei nuovi paraurti, la nuova Audi Q5 ripropone la tipica abitabilità e il consueto comfort di viaggio che da sempre caratterizza la Suv di Ingolstadt. Elevata anche l’abitabilità e la capacità di carico che si avvale persino della panca posteriore scorrevole con schienali regolabili (optional), facendo registrare una cubatura del bagagliaio compresa tra i 520 a 1.520 litri. Immancabile naturalmente il portellone automatico ad azionamento elettrico che rimane comunque un optional.

Diesel, benzina e ibrido plug-in

Sotto pelle almeno nelle prime fasi di lancio troveremo il 2.0 litri 4 cilindri turbodiesel da 150 kW (204 CV) e 400 Nm della versione 40 TDI, un propulsore, alleggerito rispetto alla precedente generazione, che si avvale ora persino della tecnologia mild-hybrid (MHEV) Aa 48 Volt per abbattere ulteriormente consumi ed emissioni. Nonostante, infatti, le buone prestazioni – 0-100 km/h in 7,6 secondi e velocità massima di 222 km/h – il motore si dimostra persino conforme all’ultimissima normativa Euro 6d-ISC-FCM e EU 6 AP grazie al nuovo sistema SCR a doppio dosaggio con doppia iniezione di AdBlue. In seguito però arriveranno due altre varianti di potenza del turbodiesel a 4 cilindri, un V6 turbodiesel e due diversi motori da 2.0 litri 4 cilindri turbo benzina. Non mancheranno, infine, due varianti di potenza del modello ibrido plug-in (TFSI e). Ad affiancare il quattro cilindri a gasolio ci penseranno il cambio S tronic a doppia frizione e 7 rapporti e la trazione integrale quattro con tecnologia ultra per la massima efficienza.

Arriverà in autunno

Basata su sospensioni Multilink all’anteriore e al posteriore, vanta lo sterzo dinamico, quattro diverse configurazioni di ammortizzatori (standard, sportive, regolabili e pneumatiche adattive), il sistema Audi Drive Select con ben 7 profili di guida, altezza variabile da terra e assistenza alla frenata su discese ripide e cerchi in lega da 17 a 21 pollici. Immancabili, infine, i numerosi sistemi di sicurezza e assistenza alla guida che fanno parte del pacchetto Audi Pre Sense. Costruita nello stabilimento di San José Chiapa in Messico, arriverà sui mercati internazionali nell'autunno 2020 con un prezzo di partenza nel mercato tedesco che si aggira intorno ai 48.700 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le utime Anteprime