Ford Bronco: il ritorno dell’iconico fuoristrada

Disponibile a due o a quattro porte e in versione Sport, il nuovo fuoristrada americano vanta diverse motorizzazioni, due tipologie di trazione integrale, telaio a longheroni e sette diverse modalità di guida. Commercializzato per ora solo negli Stati Uniti, attacca il listino con un prezzo base di 28.000 dollari.

1/40

La Casa dell’Ovale Blu ha finalmente svelato il tanto atteso Bronco, il fuoristrada duro e crudo che dopo ben 24 anni di assenza torna a calcare i palcoscenici internazionali, proponendosi con carrozzeria sia 2 che 4 porte e con un unico obiettivo: dare del filo da torcere a un’altra icona dell’off-road come la Jeep Wrangler. Presentato negli Stati Uniti come un modello in grado di coniugare la durezza di un modello della Serie F con lo spirito di una Mustang, dopotutto il suo nome sottende un tipo di cavallo selvaggio che può stenderti a terra durante un rodeo, il nuovo modello ha il compito di riportare agli antichi splendori un modello che fu presentato nel lontano 1966 per poi scomparire dopo ben 30 anni nel 1996.

Ritorno alle origini

E come puntare a questo obiettivo se non riproponendo una immagine da vero fuoristrada come quella che impreziosiva la prima generazione? Ecco perché il nuovo Ford Bronco abbraccia stilemi che più si addicono ai fuoristrada duri e crudi, lasciando, invece, alla larga le linee tipiche degli Suv a cui siamo sempre più abituati. Fin dal primo sguardo non passano di certo inosservati le luci frontali rotonde, la barra che li collega al centro della calandra, la grande altezza da terra, muso, coda e fiancate verticali, la totale assenza di cromature e il tetto removibile come anche le portiere.

Cucito addosso

Modularità che si ritrova anche in abitacolo che può essere modificato e personalizzato a piacere per meglo adeguarlo alle proprie esigenze. Il sistema di infotainment si avvale di uno schermo centrale da 12 pollici e del sistema Sync 4 con FordPass Performance App che consente persino la personalizzazione delle mappe del navigatore così da renderle basate non più sulle classiche cartografie stradali ma su applicazioni terze studiate per la marcia in offroad mentre il resto dell’abitacolo è impreziosito da diverse maniglie per la guida più impegnativa e numerosi stand ai quali agganciare action cam, sistemi GPS professionali o smartphone.

1/23

Ampiamente personalizzabile

Un ritorno alle origini insomma che vede però la Casa americana proporre non solo due varianti di carrozzeria – a 2 e a 4 porte – ma anche una versione Sport, sette diversi allestimenti (base, Big Bend, Black Diamond, Outer Banks, Wildtrak, Badlands e First Edition), undici colori, altri quattro pacchetti opzionali e centinaia di accessori originali come il gancio di traino, i paraurti tubolari e le protezioni sotto la scocca. Concepito su un telaio a longheroni (la versione Sport si basa, invece, sulla stessa piattaforma della Ford Kuga), il nuovo Ford Bronco sarà spinto o dal quattro cilindri 2.3 litri EcoBoost da 270 CV oppure dal V6 2.7 litri EcoBoost da 310 CV, entrambi abbinati a un nuovo cambio manuale sette marce con prima ridottissima oppure al dieci marce automatico SelectShift. Nella variante Sport, invece, a pulsare sotto il cofano vi sarà o il tre cilindri EcoBoost 1.5 litri da 181 CV o il quattro cilindri 2.0 litri EcoBoost da 245 CV, entrambi abbinati al cambio automatico a marce con comando digitale.

Vasta scelta

Due anche le varianti di trazione integrale: una versione base e una, definita Evoluzione, con riduttore elettromeccanico dotato di modalità Auto, 2H e 4H. Tra gli optional poi figurano i differenziali autobloccanti a controllo elettronico, le barre antirollio scollegabili e vari accessori come verricello e protezioni per carrozzeria e sottoscocca che ben si sposano con un’altezza da terra di 30 centimetri, le ruote da 17 pollici con pneumatici specifici per il fuoristrada da 35 pollici, le sospensioni speciali firmate Bilstein e addirittura sette diverse modalità di guida: Normal, Eco, Sport, Slippery & Sand, Baja, Mud e Rock Crawl. Realizzato per essere resistente come un pick-up e per essere prestazionale come un altro tipo di cavallo selvaggio, la Mustang, verrà commercializzato dalla fine del 2020 unicamente negli Stati Uniti e non nel Vecchio Continente a un prezzo di partenza di 28.000 dollari.

1/62
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le utime Anteprime