a cura di Redazione Automobilismo - 18 settembre 2019

Bugatti Chiron, record di velocità: a 447 km/h Andy Wallace se l’è vista brutta

Nel cercare di stabilire il nuovo record di velocità massima (490,484 km/h) la Bugatti Chiron si è per un breve istante letteralmente stacca da terra, rischiando di prendere il volo!

1/21

Record incredibile

Lo scorso 2 settembre la Bugatti ha stabilito un nuovo strabiliante record di velocità massima. Sul circuito di Ehra-Lessien in Bassa Sassonia con al volante il pilota Andy Wallace, campione di Le Mans e test driver ufficiale Bugatti, una Chiron leggermente rivisitata ha fatto segnare la vertiginosa velocità massima di 490,484 km, abbattendo in pieno il fantomatico muro delle 300 miglia orarie (304.773 miglia orarie per la precisione). Per ottenere questo fantastico risultato la hypercar di Molsheim è stata leggermente rivisitata dal punto di vista meccanico, pur mantenendo lo stesso motore della versione di serie, sotto l’aspetto aerodinamico, importantissimo tanto per ridurre al minimo la resistenza aerodinamica quanto per generare il giusto carico deportante, e nel comparto pneumatici per dotare la Bugatti Chiron con delle “scarpette” adeguate alle sue sbalorditive prestazioni. Nello specifico, sotto il profilo aerodinamico la Chiron è stata allungata di 25 cm nella parte posteriore così da migliorare il passaggio dell’aria lungo il corpo vettura, il grosso alettone posteriore è stato rimosso e l’intera carrozzeria è stata abbassata fino a sfiorare l’asfalto. Come se non bastasse anche il diffusore posteriore è stato modificato, i quattro scarichi non sono più al centro ma di lato e persino il frontale dell’auto ha visto l’introduzione di nuove prese d’aria.

Un esperto pilota

Ma torniamo a noi perché siamo venuti a conoscenza che, nonostante l’ottima aerodinamica, l’hypercar francese nel tentativo di siglare lo sbalorditivo record di velocità massima abbia avuto qualche piccola incertezza che, come possiamo facilmente immaginare, hanno per un attimo fatto sudare freddo il bravissimo ed esperto pilota Andy Wallace, un driver esperto e non alle prime armi che, ricordiamo, condusse alla gloria già la McLaren F1 in una impresa simile. Stando, infatti, al racconto dello stesso campione di Le Mans e test driver ufficiale Bugatti il momento più eccitante o preoccupante non sarebbe stato il raggiungere i quasi 491 km/h di velocità massima – momento nel quale, lo ricordiamo, si arrivano a coprire la bellezza di 136 metri ogni secondo – bensì qualche instante prima, proprio intorno ad una velocità di circa 450 km/h.

Sangue freddo

Trovandosi a quella velocità su una parte del circuito dove l’asfalto diventa meno liscio, più irregolare e datato e dove, molto probabilmente, si instaura una sorta di pendenza praticamente insignificante, Andy Wallace ha avuto chiaramente la sensazione che la sua Bugatti Chiron stesse per prendere il volo. Guardando, infatti, con attenzione i dati della telemetria si è scoperto come alla velocità di 447 km/h l’hypercar dei record si è letteralmente staccata da terra anche se per un brevissimo tempo. Situazione da cardiopalma alla quale l’abile ed esperto Wallace ha avuto gli attributi di rispondere mantenendo giù il pedale del gas così da non scompensare ulteriormente il carico aerodinamico e i trasferimenti di carico della vettura. Non osiamo immaginare cosa sia passato nella mente dell’abile pilota in quel momento. Da parte nostra non possiamo che fargli i complimenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News