Statistiche web
13 March 2023

RENAULT KANGOO E-TECH ELECTRIC

La multispazio della Casa francese si completa con la versione a zero emissioni da 122 Cv per un’autonomia dichiarata di 285 km. Prime consegne a maggio, in arrivo nel corso dell’anno anche la variante a passo lungo con 7 posti ...

1/8

Si avvicina la commercializzazione della versione a batteria del Kangoo, visto che alla Renault hanno programmato che l’apertura degli ordini per questo mese, due le versioni previste, Equilibre e Techno, mentre le consegne partiranno da maggio.

Nel corso dell’anno è poi prevista la variante a passo lungo a 7 posti. Il momento giusto, dunque, per il primo test di guida del multispazio elettrico.

All’esterno, le modifiche rispetto al modello con motori termici si limitano alla mascherina, con feritoie più ampie e la losanga che assume il ruolo di sportello per le prese di ricarica; l’emblema del costruttore francese è ancora tridimensionale, a differenza di quanto visto su altri modelli recenti della Casa.

Tre i modi di ricarica. L’energia prelevata dalle colonnine, da una wallbox o da una presa domestica, viene gestita da caricabatterie da 11 kW a corrente alternata, da 22 kW o da 80 kW in corrente continua, prima di fluire alle batterie agli ioni di litio da 45 kWh che alimentano il motore sincrono da 90 kW-122 Cv e 245 Nm.

Stando alla Renault, la seconda soluzione consente di passare dal 5% all’80 della riserva in due ore e mezza, mentre la terza fa recuperare 170 km di autonomia in circa 30 minuti. L’autonomia complessiva dichiarata è di 285 km: dato prudente, che tiene evidentemente conto della crescita generale della multispazio Renault.

Gli ingombri sono lievitati (4,5 metri di lunghezza per 1,92 di larghezza, rispettivamente una trentina e una decina di centimetri in più del modello precedente), lo stile risulta più curato nei dettagli. Un’evoluzione riscontrabile anche all’interno, che rimane però sempre arioso.

Non ci sono più le cappelliere sul padiglione per nascondere giocattoli e pelouche, ma restano il ripiano sopra il parabrezza e una buona quantità di vani - dal cassetto davanti al passeggero al comparto sotto al bracciolo fra i due sedili anteriori - che fanno dell’abitacolo della Kangoo un ambiente pratico e votato ai viaggi in gruppo.

La plancia appare moderna, distesa, più ricca e meglio realizzata non solo rispetto alla generazione precedente, ma alla maggior parte dei concorrenti. Al centro, il touchscreen dell’Easy Link da 8 pollici e, intorno, ancora tanti comandi fisici, per lo più correttamente disposti, dal tasto della modalità Eco, che dimezza la potenza a disposizione e limita la velocità massima da 135 a 110 km/h a favore dei consumi, alle manopole e ai pulsanti del climatizzatore.

Lo spazio per chi guida e per il passeggero davanti ce n’è in abbondanza e anche i tre occupanti dietro non hanno di che lamentarsi, con un divano frazionabile 1/3-2/3. La presenza delle batterie sotto il pianale, i tre passeggeri si trovano a un livello più elevato. Cambia anche il sistema di fissaggio al pavimento.

Il sedile biposto a destra e la poltrona singola a sinistra scorrono in senso longitudinale, garantendo che la capacità massima del bagagliaio coi 5 posti, passi dai 775 litri delle Kangoo a benzina o diesel agli 850 litri dell’E-Tech.

1/8

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA