Mercedes-AMG GT 63 S: è lei la nuova regina dall’Inferno Verde

Con il tempo di 7'23"009 la quattro porte di Affalterbach si è ripresa il gradino più alto del podio, spodestando la diretta rivale di Stoccarda, la Porsche Panamera Turbo.

1/8

Si sa il Nurburgring Nordschleife è da sempre terreno di sfida per ogni nuova sportiva, supercar e hypercar. Lungo i suoi quasi 21 chilometri ci si trova ad affrontare la bellezza di 73 curve oltre a innumerevoli Sali scendi, cambi di pendenza, paraboliche, curve cieche e via dicendo. Sulla sua lunga striscia di asfalto si sfidano quotidianamente e si sono sfidati in passato qualsiasi tipologia di mezzo a motore, sia due che quattro o con persino più ruote. Nessuno riesce a passare indenne dal fascino di questo difficilissimo e tortuoso circuito e quasi nessuno non ne viene attirato al suo interno.

Negli ultimi anni è poi diventato uno dei terreni ufficiali sui quali le Case automobilistiche si sfidano per decretare chi abbia costruito l’auto migliore o più veloce. Esistono, infatti, diverse categorie per le diverse tipologie di vetture e di mezzi a motore che vi hanno corso al proprio interno. Quest’oggi però vogliamo parlavi della categoria "luxury class" dove fino a pochi giorni fa a detenere il record del giro più veloce era la Porsche Panamera Turbo con il tempo di 7:29.81. Ora però lo scettro di regina dell’Inferno Verde è passato in mano a una nuova auto. Stiamo parlando della Mercedes-AMG GT 63 S che con i due tempi di 7:23.009 e 7:27.800 si è auto incoronata la quattroporte più veloce del Ring.

Autore dei due giri record Demian Schaffert, ingegnere di sviluppo Mercedes-AMG, che ha potuto beneficiare di alcuni accorgimenti tecnici come l'elasto-cinematica delle sospensioni, il pacchetto aerodinamico inedito e gli pneumatici Michelin Pilot Sport Cup 2. Da Stoccarda però giurano che l’auto fosse completamente di serie e che non fosse stata modificata se non tramite una messa a punto particolare dai tecnici di Affalterbach. Ora non resta che attendere la risposta di Porsche, che non se ne starà certo con le mani in mano. E tornerà in pista più agguerrita che mai. Non va però dimenticato che a oggi il titolo di berlina quattro porte prodotta in serie più veloce è ancora nelle mani della Jaguar XE SV Project con il tempo di 7'18"361.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News