a cura di Redazione Automobilismo - 18 novembre 2018

Decreto sicurezza: per l’auto poker di novità in arrivo

Le novità riguarderanno il noleggio auto, la sicurezza delle Forze dell’Ordine e il reato di blocco stradale.

Se dovesse avere il via libera anche della Camera il nuovo decreto sicurezza o decreto Salvini introdurrà non poche novità in materia di sicurezza e immigrazione. Ma oltre a queste importanti tematiche vi saranno delle novità anche per tutti gli automobilisti e per le loro auto. In primis agli agenti della Polizia Municipale degli Enti locali con più di 100.000 abitanti verranno date in dotazione le pistole Taser, cioè le armi a impulsi elettrici. Questi vigili cittadini, se se addetti ai servizi di polizia stradale e se in possesso della qualifica di agente di pubblica sicurezza, potranno sperimentare per 6 mesi questi nuovi strumenti di difesa personale nello svolgimento delle loro funzioni di controllo del territorio.

In secondo luogo verrà reintrodotto il reato di blocco stradale. Un reato che, comprendendo anche l’ostruzione o l’ingombro dei binari ferroviari, passera da semplice illecito amministrativo a reato da Codice Penale con pene da uno a 6 anni. A questa reintroduzione si affiancherà anche l’estensione del Daspo urbano (Divieto di Accedere alle manifestazioni Sportive) agli indiziati per reati di terrorismo. Verrà reintrodotto, infine, anche il reato di invasione di terreni o edifici, a piedi o con un veicolo, con pene che prevedono la reclusione da uno a 3 anni e una multa da 103 a 1.032 euro.

In terzo luogo si provvederà a introdurre un maggiore controllo in fase di noleggio di autoveicoli, una stretta che servirà a evitare l’instaurarsi di un noleggio a scopo terroristico. In fase di noleggio i gestori delle attività di autonoleggio dovranno, infatti, comunicare i dati identificativi dei clienti al Ced interforze, una sorta di banca dati informatica, contestualmente alla stipula del contratto o comunque con un congruo anticipo rispetto al momento della consegna. La nuova soluzione potrebbe in questo modo scongiurare i tristi episodi già visti a Nizza, Londra e Berlino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultima anteprime