Coronavirus: Pirelli tira il freno a Settimo Torinese

A causa di un primo dipendente, risultato positivo al tampone sul Covid-19, l’azienda italiana è stata costretta a limitare la produzione di pneumatici presso lo stabilimento di Settimo Torinese.

1/8

L’annuncio è arrivato direttamente dalla Pirelli dopo che la stessa ha ricevuto le dovute conferme da parte delle autorità sanitarie. Purtroppo uno dei dipendenti dello stabilimento di Settimo Torinese, il polo a pochi chilometri da Torino, è risultato positivo ai test sul Coronavirus e per questo l’azienda italiana si è vista costretta a prendere le dovute misure di emergenza. Per tutelare tutti gli altri lavoratori, la multinazionale ha "adottato tutte le misure precauzionali previste nel rispetto delle raccomandazioni e prescrizioni dei Decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri sin qui emessi". Per questo motivo ha deciso di "rallentare la produzione con una progressiva ripresa nelle prossime giornate. Ciò consentirà di avere in fabbrica un numero molto ridotto di persone per garantire condizioni sanitarie di massima sicurezza". Il polo di Settimo Torinese, uno dei complessi industriali più avanzati dell'intero gruppo Pirelli sia per i prodotti che per i processi produttivi, è stato quindi rallentato così da poter procedere alla "completa sanificazione dello stabilimento e delle aree di lavoro". Pirelli ha però subito rassicurato tutti i suoi clienti, affermando di aver messo in atto le misure adeguate per garantire le forniture ai clienti anche tramite il ricorso degli stock disponibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News