a cura di Redazione Automobilismo - 21 luglio 2017

Audi Sport Performance Parts: iniezione di grinta

La Casa tedesca presenta una nuova linea accessori dedicata alle coupé TT ed R8. Sospensioni, freni, assetto e aerodinamica beneficiano di sensibili upgrade.

Tuning ufficiale

L’elaborazione dei modelli sportivi non è mai stata così “ufficiale”. Dopo le linee accessori firmate dai reparti Motorsport per Bmw e Amg per Mercedes, ora anche Audi propone una gamma completa di optional acquistabili sia in origine sia after market. Upgrade votati a rendere più aggressive e performanti le coupé TT ed R8.

Cerchi in lega da 20” fresati

Entro la fine dell’estate debutterà il catalogo Audi Performance Parts, vera e propria linea accessori messa a punto da Audi Sport per ottimizzare l’assetto, lo scarico, la carrozzeria e l’abitacolo delle coupé di Ingolstadt. La TT RS, nel dettaglio, potrà contare su nuovi supporti e un sistema di raffreddamento potenziato per i freni, mentre l’R8 adotterà inedite pastiglie alleggerite (-1 kg), studiate per rendere al meglio in pista. Entrambe le vetture potranno essere dotate di sospensioni sportive regolabili e cerchi in lega da 20 pollici più leggeri di 7,2 kg per la TT e di 8 kg per l’R8 rispetto ai componenti standard, oltretutto abbinati a pneumatici extra large 245/30 all’avantreno e 305/30 al retrotreno.

Cresce la deportanza, si riduce il peso

Non di solo motore si vive. Il catalogo Audi Performance Parts si concentra soprattutto sull’assetto e la guidabilità delle vetture. Debutta così una barra d’irrigidimento a croce per l’assale posteriore delle TT a trazione integrale, in grado di ridurre drasticamente le torsioni. Un componente che, nel caso della top di gamma RS, mossa da un 5 cilindri 2.5 turbo benzina da 400 Cv, porta in dote la possibilità d’innalzare la velocità massima a 280 km/h. Non meno interessante la disponibilità dello scarico Akrapovic con terminali in titanio e d’inedite appendici aerodinamiche in CFRP, vale a dire in fibra di carbonio mista a poliuretano termoplastico. Più precisamente splitter, minigonne, ala posteriore ed estrattore. Plus che, a detta della Casa madre, nel caso della R8 – dotata del consueto V10 5.2 condiviso con la Lamborghini Huracán – garantiscono un incremento medio dei valori di deportanza nell’ordine dei 100 kg.

Bye bye divanetto

Il catalogo Audi Performance Parts estende le proprie cure anche all’abitacolo, dove vengono introdotti il volante rivestito in Alcantara, i paddle del cambio in carbonio e, modifica ben più radicale, la sostituzione del divanetto posteriore con una barra duomi. Un intervento, nel caso della TT, in grado di ridurre la massa complessiva della vettura di 20 kg.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultima anteprime