Statistiche web
20 December 2022

Alfa Romeo Giulia SWB Zagato

Zagato svela la nuova Alfa Romeo Giulia SWB, un modello speciale pensato per celebrare i primi 100 anni di collaborazione tra le due aziende. Si basa sull'Alfa Romeo Giulia, ma vanta un passo accorciato, una carrozzeria coupé a due porte ed il motore V6 biturbo della GTAm abbinato qui a una trasmissione manuale a 6 rapporti...

1/19

Zagato svela la nuova Alfa Romeo Giulia SWB, un modello speciale pensato per celebrare i primi 100 anni di collaborazione tra le due aziende. Si basa sull'Alfa Romeo Giulia, ma vanta un passo accorciato, una carrozzeria coupé a due porte ed il motore V6 biturbo della GTAm abbinato qui a una trasmissione manuale a 6 rapporti.

Il progetto è partito nel 2021, esattamente 100 anni dopo la Tipo G1 che fu la prima collaborazione tra Zagato e Alfa Romeo. Il modello appartiene a un cliente tedesco che possiede molti modelli Alfa Romeo tra cui la 8C Competizione e la S.Z., oltre a diverse Aston Martin Zagato dell'era moderna.

Questo modello unico deriva da un'Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio manuale. Zagato ha accorciato il passo, modificato gli sbalzi dell'architettura Giorgio e montato il motore biturbo V6 a benzina da 2,9 litri, che eroga 540 CV come sulla GTAm, anche se in questo caso la potenza viene trasmessa alle ruote posteriori attraverso il manuale a sei marce della Quadrifoglio.

Nonostante il fatto che l'Alfa Romeo Giulia SWB condivida la maggior parte dei suoi componenti con le tradizionali Giulia e Stelvio, la sua carrozzeria è completamente nuova.

Il frontale è molto aggressivo e vede l' adozione di fari a LED montati più in basso provenienti dall'Alfa Romeo Tonale con una grande griglia scudetto con logo Alfa Romeo circondata da un paio di enormi prese d'aria del paraurti e un'apertura aggiuntiva sul cofano molto scolpito.

C'è anche uno splitter in fibra di carbonio che accentua il look sportivo. Passando al profilo, i parafanghi anteriori hanno sfoghi laterali, il badge triangolare Quadrifoglio e lo stemma Zagato. Anche i cerchi in lega a cinque razze con bloccaggio centrale provengono dalla GTAm, anche se in una finitura argento brillante (anziché nera) con pinze freno gialle.

Il passo è significativamente più corto rispetto alla Giulia, con due grandi porte con maniglie nascoste. Le proporzioni ricordano i modelli coupé Zagato del passato, grazie al lungo cofano e alla linea del tetto inclinata che porta alla coda tronca attraverso le spalle pronunciate.

La progettazione della carrozzeria speciale è stata curata da Zagato supportato da Alejandro Mesonero, responsabile del Centro Stile Alfa Romeo, e dal suo team di designer. Tuttavia, tutto il lavoro di sviluppo e produzione è stato svolto interamente dall'Atelier milanese senza supporto esterno.

Parlando della one-off, Alejandro Mesonero ha affermato che "si inserisce perfettamente nel percorso storico dei due marchi dove il primo obiettivo era ed è quello di combinare bellezza e prestazioni", aggiungendo che "La filosofia di questa nuova SZ 2023 è quella del 1960, con una carrozzeria guidata da semplicità, aerodinamica e leggerezza".

Il risultato non avrà forse la brutalità della SZ degli anni '90, ma appare riuscito.

1/20

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA