Statistiche web
25 January 2024

La nuova Porsche Macan elettrica

La seconda generazione della Porsche Macan è disponibile in due versioni: Macan 4 da 408 CV e Macan Turbo da 639 CV. Prezzi rispettivamente di 88.187 e 121.242 euro

1/2

Dopo Taycan arriva la seconda generazione di Macan a completare la gamma elettrica della Casa di Zuffenhausen, anche in questo caso con un prodotto dalle prestazioni degne della migliore tradizione Porsche. Le versioni al lancio, previsto per la seconda metà dell’anno, sono due: Macan 4 e Macan Turbo, la prima accreditata di 408 CV di potenza e 650 Nm di coppia massima, con la funzione overboost attiva, mentre le performance del modello più potente sono ancora più eclatanti: 639 CV e 1.130 Nm. Il dato relativo al peso non è ancora stato annunciato dalla Casa, ma le prestazioni sì: 5,2 secondi per l’accelerazione da 0 a 100 km/h e 220 km/h di velocità massima per il modello per così dire base, mentre nel caso della Turbo si passa a 3,3 secondi e 260 km/h.

La prima volta della piattaforma PPE (Premium Platform Electric)

1/2

La base è la piattaforma PPE progettata per i modelli elettrici del Gruppo Audi/Volkswagen, utilizzata per la prima volta da Porsche e caratterizzata da una batteria agli ioni di litio alloggiata nel sottoscocca. Nella fattispecie di tratta di un’unità dalla capacità lorda di 100 kWh, di cui si possono utilizzare attivamente fino a 95 kWh, e con tecnologia 800 volt. La batteria può essere caricata dal 10 all'80% in un tempo di circa 21 minuti presso le apposite colonnine di ricarica rapida. Nelle stazioni di ricarica a 400

Volt, una sorta di interruttore ad alta tensione inserito nella batteria consente di effettuare una ricarica sfruttando il sistema di Bank Charging, che permette di scindere la batteria da 800 Volt in due accumulatori, ciascuno dalla tensione nominale di 400 Volt. In questo modo non è necessario dover ricorrere a un booster ad alta tensione aggiuntivo, fino a 135 kW. La ricarica in corrente alternata fino a 11 kW può essere invece effettuata mediante le wallbox ad uso domestico. I due motori elettrici, uno per ogni asse, consentono di recuperare fino a 240 kW di potenza, mentre l’autonomia media secondo il ciclo WLTP è fino a 613 km per la Macan 4 e fino a 591 km per la Turbo.

CX di 0,23

1/2

L’estetica della nuova nata, che misura 4.784 mm in lunghezza, 1.938 mm in larghezza e 1.622 mm in altezza, riprende le soluzioni stilistiche introdotte con la Taycan nel muso, mentre la coda può essere considerata una rivisitazione del modello precedente. Rispetto al quale il passo è cresciuto di 86 mm, per un totale di 2.893 mm, una misura comunque controbilanciata da sbalzi ridotti nella parte anteriore e posteriore tipica dei modelli elettrici. Degno di nota il valore di resistenza aerodinamica (CX di 0,25), ottenuto grazie al sistema Porsche Active Aerodynamics (PAA) che si fregia di elementi attivi e passivi, tra cui lo spoiler posteriore adattivo, le alette di ventilazione attive sulle prese d'aria anteriori e le coperture flessibili presenti nel sottoscocca carenato.

Dinamica di guida da vera Porsche

1/2

Dopo aver provato la Taycan non abbiamo dubbi sulla guidabilità del nuovo SUV elettrico, comunque sia, anche sulla carta gli ingredienti per portare al risultato promesso dagli ingegneri della Casa tedesca ci sono proprio tutti: sistema di ripartizione della coppia tra i due assi cinque volte più veloce di un sistema di trazione integrale convenzionale, differenziale posteriore autobloccante a controllo elettronico e asse posteriore sterzante solo per citarne alcuni. Ma senza dimenticare le sospensioni pneumatiche, di serie sulla Turbo, con sistema PASM (Porsche Active Suspension Management) di regolazione elettronica degli ammortizzatori, dispositivo quest’ultimo proposto in caso di sospensioni convenzionali. Il PASM adotta ora ammortizzatori con tecnologia a doppia valvola per assicurare una forbice più estesa tra l’assetto comfort e quello prestazionale, con differenze molto più marcate tra i diversi programmi di guida.

Doppio vano bagagli

I minori ingombri meccanici tipici della configurazione full electric si riflettono, oltre che in una migliore abitabilità rispetto alle auto convenzionali, in una maggiore capienza del vano bagagli: a seconda del modello e dell'equipaggiamento, la capacità di carico del bagagliaio posteriore può raggiungere 540 litri, mentre il secondo vano bagagli anteriore è accreditato di una capacità di 84 litri. Il volume totale risulta così superiore di 127 litri rispetto al modello precedente, mentre abbattendo lo schienale dei sedili posteriori si raggiungono 1.348 litri. Degna di nota infine anche la capacità massima di traino di 2.000 kg.

Quadro strumenti curvilineo

1/2

Dalla Taycan, la nuova Porsche elettrica ha ripreso anche il layout della plancia, che si fa immediatamente notare per il quadro strumenti curvilineo da 12,6 pollici che si somma allo schermo centrale da 10,9 pollici. Anche il passeggero anteriore può visualizzare informazioni, regolare le impostazioni del sistema di infotainment o riprodurre contenuti in streaming attraverso lo schermo opzionale da 10,9 pollici. la Porsche Driver Experience include anche un head-up display con tecnologia di Realtà Aumentata, con gli elementi virtuali, come le frecce per la navigazione, integrati visivamente nel mondo reale praticamente senza soluzione di continuità. L'immagine appare al guidatore a una distanza di 10 metri e corrisponde al formato di un display da 87 pollici. Non manca l'assistente vocale "Hey Porsche", che suggerisce percorsi, comprese le soste di ricarica, mentre grazie al nuovo Porsche App Centre, i passeggeri possono accedere facilmente alle app più diffuse di fornitori terzi e installarle direttamente nella nuova Macan.

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA