Statistiche web
12 February 2024

Aston Martin Vantage 2024: ancora più potente e coinvolgente

Il nuovo muso con la calandra ampliata nasconde un V8 biturbo ancora più potente: 665 CV e 800 Nm di coppia. Ma non è tutto, perché anche assetto e telaio sono stato perfezionarti per esaltare il coinvolgimento di guida

L’enorme “bocca” che caratterizza il muso della nuova coupé sportiva inglese magari non piacerà a tutti, soprattutto a chi ha sempre amato l’eleganza della produzione Aston Martin, ma probabilmente basteranno pochi chilometri alla guida per ricredersi. Almeno, cos dovrebbe essere alla luce dei dati dichiarati dalla Casa, a partire dalla potenza del V8 biturbo di origine Mercedes, che è cresciuto rispettivamente del 30% e del 15% in termini di potenza e coppia, fino a raggiungere 665 CV e 800 Nm, nonché 155 CV e 115 Nm rispetto alla versione precedente. Numeri resi possibili grazie ad alcuni interventi meccanici come l’adozione di alberi a camme dal diverso profilo, turbocompressori più grossi, rapporto di compressione ottimizzato e sistema di raffreddamento più efficiente.

Cambio automatico ZF8 e rapporti più corti

La trasmissione è affidata al classico cambio automatico a 8 marce, adattato per rispondere in modo più rapido ai comandi e associato a un rapporto finale più corto a favore delle prestazioni in accelerazione, che si possono sintetizzare nel tempo di 3,4 secondi per scattare da 0 a 60 mph (96 km/h) ottenuto anche grazie alla nuova strategia di Launch Control. Da segnalare la possibilità di modificare il funzionamento del sistema di partenza assistita, regolando a piacimento il livello di slittamento delle ruote posteriori attraverso il sistema di controllo della trazione.

Handling superiore

1/2

Handling superiore

Quando si parla di Aston Martin di ultima generazione non si può trascurare l’aspetto handling, che è stato ulteriormente migliorato grazie ad alcuni interventi, come la traversa anteriore che è stata irrigidita e spostata indietro per aumentare la rigidità del punto di montaggio della sospensione anteriore a doppio bracci e migliorare il feeling dello sterzo. L’ottimizzazione dei punti di ancoraggio delle sospensioni posteriori si riflette inoltre in un aumento del 29% della rigidità sotto carico in curva, ma anche gli ammortizzatori sono stati rivisti in funzione della massimizzazione del piacere di guida e dell’efficacia in curva. Da segnalare anche l’adozione di pneumatici Michelin Pilot Sport S 5 con codice "AML", realizzati appositamente per la Vantage nelle misure 275/35 R21 all'anteriore e 325/30 R21 al posteriore. L’impianto frenante si serie si compone di dischi in ghisa anteriori da 400 mm e posteriori da 360 mm, mentre l’impianto CCB, grazie ai dischi carboceramici assicura un risparmio di 27 kg sulle masse non sospese.

Plancia in stile DB12

1/4

Appena si accede all’abitacolo si apprezza la nuova plancia, che replica il design introdotto con l’ultima DB12, dalla quale la nuova Vantage riprende anche il sistema multimediale di nuova generazione sviluppato internamente da zero e caratterizzato dal monitor centrale da 10,25 pollici. Non mancano comunque classici tasti fisici per gestire telaio, ESP, impianto di scarico, sistema di assistenza al mantenimento della corsia e Park Distance Control. Questo nuovo sistema si basa sulla connettività online e su una serie di pacchetti di abbonamento all'auto connessa, gratuiti per i primi tre anni e concepiti per massimizzare l'esperienza di possesso di un’Aston Martin. Sarà quindi possibile monitorare, localizzare e proteggere la propria auto, nonché gestire i dettagli del proprio account e condividere la comunità dei proprietari di Aston Martin attraverso feed multimediali integrati. Le consegne della nuova Vantage sono previste a partire dal mese di aprile.

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA