Skoda Karoq, la Suv che pensiona la Yeti

22 maggio 2017
a cura di Redazione Automobilismo
  • Salva
  • Condividi
  • 1/11
    Erede della Yeti, è una crossover compatta che si ispira nelle linee alla “sorella maggiore” Kodiaq. Sarà disponibile a trazione anteriore o integrale con motori turbo benzina e Diesel da 115 a 190 Cv.

    Piattaforma modulare MQB

    Skoda Karoq, la Suv che pensiona la Yeti

    Skoda sempre più protagonista nel segmento delle Suv. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare la Karoq, erede della Yeti. Destinata a raggiungere le concessionarie entro la fine dell’anno, la nuova crossover compatta è 16 cm più grande della citata Yeti e al tempo stesso 32 cm più corta della “sorella maggiore” Kodiaq. Con una lunghezza di 4,38 metri eguaglia così la best seller della categoria, vale a dire la Nissan Qashqai, potendo oltretutto contare su di una capacità di carico compresa tra 521 e 1.630 litri. Basata sulla piattaforma modulare MQB condivisa con Seat Ateca, Audi Q2 e Volkswagen Tiguan, la Karoq attinge a piene mani alle tecnologie del Gruppo VW. Ad esempio alla strumentazione integralmente digitale, alle sospensioni a controllo elettronico e a un moderno sistema multimediale completo di hotspot Wi-Fi, servizi online CarConnect e protocolli Android Auto, Apple CarPlay e MirrorLink per un dialogo privilegiato tra vettura e smartphone. La possibilità di optare per diverse modalità di guida – Normal, Sport, Eco e Individual – include il programma Snow, riservato alle versioni 4x4. Queste ultime corredabili del setup opzionale Off Road che agisce sull’elettronica, sui punti d’innesto della trasmissione automatica (se presente), sulla risposta dell’ABS, sull’erogazione del propulsore e sulla taratura sia del differenziale elettronico sia delle sospensioni regolabili.

    Cambio manuale o a doppia frizione DSG

    Skoda Karoq, la Suv che pensiona la Yeti

    Al lancio, la crossover boema potrà contare su quattro motorizzazioni turbo a iniezione diretta: benzina 1.0 TSI da 115 Cv e 1.5 TSI da 150 Cv, forte della disattivazione parziale dei cilindri nelle fasi non di carico del propulsore, oppure Diesel 1.6 TDI da 115 Cv e 2.0 TDI da 150 o 190 Cv. Quest’ultimo step corredato della trazione integrale e del cambio automatico a doppia frizione DSG a 7 rapporti, laddove le altre versioni prevedono di serie la trasmissione manuale a 6 marce.
    Analogamente alle “cugine” VW Tiguan e Seat Ateca, anche la Karoq si fregia di tutti i più recenti ritrovati in materia di sicurezza e assistenza alla guida, a partire dalla frenata automatica d’emergenza e dal parcheggio semi-autonomo.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta