Auto elettrica: a Milano la prima ricarica mobile a chiamata

15 September 2018
a cura di Redazione Automobilismo
  • Salva
  • Condividi
  • 1/7
    Denominato E-Gap, è un servizio composto da 10 automezzi, convertiti in centri di ricarica mobili, che offrono la ricarica rapida alle auto in emergenza.

    Il progetto è interamente italiano ed è il primo a offrire un servizio di ricarica rapida, mobile e on demand sul mercato europeo. Partirà da Milano ma in breve tempo prenderà piede anche a Roma, Madrid, Berlino, Londra, Stoccarda, Amsterdam, Utretcht, Mosca e Parigi. Stiamo parlando di E-Gap, il servizio che entro la fine del 2018 introdurrà dentro il capoluogo meneghino i primi 10 automezzi, convertiti in autentiche centrali elettriche su quattro ruote e adibiti alla ricarica delle auto in panne.

    Addio quindi psicosi da autonomia e basta folle ricerca della colonnina più vicina. Basterà, infatti, prenotare via app o via web la ricarica rapida in modalità E-Gap e sarà il servizio stesso a raggiungervi sul posto entro 90 minuti massimo per tirarvi fuori dai guai o semplicemente per farvi un rabbocco o un pieno di energia. Ognuno dei 10 automezzi sarà in grado di ricaricare con potenze da 25 o 50 kW a seconda del modello in questione ed offrirà non solo un servizio di emergenza sul posto ma si potrà prenotarlo anche per una ricarica rapida a domicilio anche non in nostra presenza.

    Come se non bastasse poi il nuovo servizio vi saprà coccolare con l’offerta in loco di una miriade di servizi correlati come lavaggio auto, gonfiaggio gomme, sostituzione spazzole tergicristalli e check up completo. Per finire, se l’attesa vi dovesse sembrare eccessiva, E-Gap vi fornirà anche un pratico monopattino elettrico con il quale trascorrere il tempo e ingannare l’attesa dell’intervento. Insomma, cosa volere di più?

    Auto elettrica: a Milano la prima ricarica mobile a chiamata

    Per la fase iniziale del progetto e almeno fino a che gli automezzi rimarranno solo 10, il servizio verrà garantito unicamente nel centro città e nella zona degli aeroporti, cioè in quelle aree più densamente popolate da macchine elettriche. Successivamente, quando il servizio entrerà a regime e il numero di automezzi aumenteranno, non solo verranno aumentate le zone d’intervento ma verrà garantita una tempistica di intervento nettamente inferiore.

    Ora però vi chiederete quanto costa questo servizio per così dire premium. Semplice, la spesa varierà in base alla rapidità del servizio anche se indicativamente dovrebbe costare intorno al 30 o al 50% in più rispetto a una ricarica ordinaria. I più esigenti potranno, infine, stipulare una sorta di abbonamento mensile che consentirà al cliente di avere sempre a propria disposizione un automezzo che si precipiterà a ricaricargli il pacco batterie non appena questo avrà la ricarica sotto una determinata soglia.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta