SOCIAL

CERCA

In copertina, la prima Suv di Seat che mostra un chiaro family feeling e nasconde la ben nota tecnologia tedesca del Gruppo Volkswagen. Ma non finisce qui
In edicola Automobilismo di ottobre

Nuova Volvo V90, motori e listino

Nuove immagini e video della station premium svedese. Sono previste anche versioni sportive Polestar ed il listino italiano parte 56.240 euro...

Nuove immagini della V90 erede della V70, a lungo la station più venduta in Svezia. Si tratta della versione station wagon della recente berlina S90 ed è realizzata sulla medesima piattaforma modulare Volvo SPA ed è equipaggiata con motori a 4 cilindri a benzina e gasolio da 2,0 litri con potenze comprese, per i primi da 250 a 320 cv, per i secondi da 190 a 235 cv. Completerà la gamma la variante Plug­-in-­Hybrid (T8 Twin Engine) con modulo benzina/elettrico da 410 cv. 

Gli ingombri sono importanti con una lunghezza di 4,93 m, una larghezza di 1,89 m e un 'altezza di 1,48 m. Anche il passo è generoso con ben 2,94 m a tutto vantaggio dell' abitabilità. La capacità di carico della nuova  station svedese è invece compresa tra i 560 e i 1560 litri. 

ANCHE POLESTAR
Le nuovissime Volvo S90 e V90 possono ricevere il nuovo programma Polestar Performance Optimisation di nuova generazione, in grado di aggiungere ulteriore dinamismo al comportamento telaistico delle due vetture. Il programma interviene sull'intero gruppo motore-cambio ottimizzando la risposta dell'acceleratore, la velocità e la precisione della cambiata. La prima versione di S90 e V90 disponibile per l’ottimizzazione Polestar è la D5, mentre la T6 seguirà a partire da ottobre 2016.

La nuova station svedese è stata di recente protagonista di un nuovo spot con Zlatan Ibrahimović (guarda qui).

 

Motori a benzina:


- T5 Geartronic da 187 kW / 254 cv  
- T6 AWD Geartronic da 235 kW / 320 cv

Motori a gasolio

- D3 da 150 cv
- D3 Geartronic da 150 cv 
- D4 da 190 cv
- D4 Geartronic da 190 cv
- D4 AWD Geartronic da 190 cv
- D5 AWD Geartronic da 173 kW / 235 cv

 

Nella pagina seguente il listino. Qui la V90 in alcuni nuovi video :

 

 

 

 

 

 

 

STATION
La Volvo V90 beneficia di un’esperienza di oltre 60 anni nella costruzione di station wagon che è iniziata con la Volvo Duett, presentata dalla Casa svedese nel lontano 1953.Da allora, Volvo ha venduto oltre 6 milioni di station wagon in tutto il mondo, ovvero circa un terzo del numero complessivo di veicoli venduti dalla Casa sin dalla sua fondazione nel 1927. “Le nostre origini sono radicate nel segmento delle station wagon,” ha commentato Håkan Samuelsson, CEO di Volvo Cars. “Moltissime persone considerano Volvo il marchio delle SW per antonomasia. Sebbene il brand Volvo rappresenti molto di più dei modelli station wagon, siamo orgogliosi di perpetuare questa tradizione con la nuova V90.”

 

 

La storia di Volvo è stata determinata da una lunga serie di note station wagon, fra cui : 

 

Duett
Lanciata nel 1953, la Duett sarebbe presto diventata in Svezia una delle automobili più amate di sempre. E’ stato uno dei primi modelli Volvo a essere esportati negli Stati Uniti. 

 

Amazon
La Duett è stata seguita nel 1962 dalla Amazon Station Wagon, conosciuta ufficialmente come 221. La Amazon era una station wagon decisamente più elegante e raffinata della Duett – invece concepita originariamente come furgoncino per le consegne – e offriva al tempo stesso un bagagliaio più capiente.  Il modello S, con una potenza erogata di ben 115 CV, era una vettura dal carattere sportivo per gli standard degli anni ’60. Il portellone posteriore era all’americana, diviso in due sezioni, una soluzione che sarebbe stata riutilizzata 40 anni dopo per la prima versione della XC90.

 

1800 ES
Presentata come nuova versione del coupé sportivo 1800, la 1800 ES era famosa in Inghilterra come shooting brake: una SW sportiva sufficientemente spaziosa da consentire di caricare attrezzatura da caccia o mazze da golf nel bagagliaio.La 1800 ES è stata introdotta nell’autunno del 1971 e si distingueva in particolare per il grande lunotto posteriore praticamente privo di cornice, con cerniere e maniglie fissate direttamente sul vetro – un dettaglio che risultava estremamente moderno agli inizi degli anni ’70. Poiché ne vennero costruiti solo poco più di 8.000 esemplari, la 1800 ES è diventata uno dei modelli classici Volvo maggiormente ricercati. La 1800 ES è chiaramente servita da fonte d’ispirazione per la Concept Estate, presentata al Salone dell’Auto di Ginevra 2014 come precursore di una nuova gamma di station wagon firmate da Volvo.

 

245
Lanciata nel 1974, la 245 è stata definita l’archetipo delle station wagon di Volvo, un’automobile ancora fortemente associata al marchio sino a diventarne emblema. La 245 è rimasta in produzione per circa 20 anni, fino al 1993, ed era disponibile anche in una versione più esclusiva, ovvero la 265 con motore V6. Gli anni ’80 hanno visto l’arrivo sul mercato della 245 Turbo, la prima station wagon al mondo dotata di propulsore turbo.

 

960
La Volvo 960 – nata come evoluzione della serie 700 sviluppata negli anni ’80 – è stata l’ultima station wagon con trazione posteriore prodotta da Volvo. E’ stata introdotta nel 1990 e si distingueva per linee della carrozzeria più morbide e un motore a 6 cilindri di nuova concezione. Nel 1996, il suo nome venne cambiato in V90, sigla che viene ora riproposta a 20 anni esatti di distanza. E’ considerata una delle station wagon più eleganti nella storia di Volvo.

 

850 T5­R
Con la sua carrozzeria color giallo intenso, il propulsore da 240 CV e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 6,9 secondi, la Volvo 850 T5­R era una station wagon decisamente inedita. Lanciata in edizione limitata (il Model Year 1994 costituisce infatti l’unica versione della 850), la T5­R diventò all’istante una vettura da collezionisti. La Volvo 850 catturava l’attenzione anche quando correva in pista. Ebbe un successo travolgente nel panorama automobilistico europeo nel 1994, quando debuttò nel prestigioso campionato BTCC come prima station wagon da competizione presentata da un costruttore.

 

 

 

 

 

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia