SOCIAL

CERCA

Automobilismo di settembre è in edicola. Modella d’eccezione per la copertina la Jaguar XF AWD equipaggiata con il nuovo due litri turbodiesel da 180 Cv. Al motore si associa la trazione integrale permanente che...
E' in edicola il nostro nuovo numero!

FCA accusata in USA da due dealer per aver falsificato le vendite

Fiat Chrysler Automobiles US è stato accusata in una causa federale intentata da due concessionarie per aver offerto denaro al fine di falsificare le vendite. Il titolo è stato sospeso in Borsa e in una nota FCA precisa che...

FCA accusata in USA da due dealer per aver falsificato le vendite

Fiat Chrysler Automobiles US è stato accusata in una causa federale intentata da due concessionarie per aver offerto denaro al fine di falsificare le vendite. Il titolo è stato sospeso in Borsa. I concessionari avrebbero ricevuto un ' offerta per registrare false vendite l' ultimo giorno del mese, per far aumentare i volumi immatricolati , per poi annullarli il giorno dopo. Due le concessionari che accusano FCA, una è la Napleton Arlington Heights, Illinois, e l 'altra è Napleton Northlake, in Florida. FCA US insomma avrebbe offerto alle due concessionarie una ingente quantità di denaro per registrare veicoli invenduti come venduti. Quanto? 20,000 dollari per riportare la falsa immatricolazione di 40 veicoli nuovi alla fine del mese. 


Questa la risposta ufficiale della Casa:


"Fiat Chrysler Automobiles N.V. (NYSE: FCAU / MTA: FCA) ha appreso che un concessionario negli Stati Uniti ha promosso contro FCA US LLC (FCA US) una causa nella quale sostiene che FCA US gli avrebbe offerto incentivi finanziari affinché registrasse falsamente le vendite, riportando vendite al dettaglio in un determinato mese e cancellandole in quello successivo. Sebbene l’atto di citazione non sia ancora stato notificato a FCA US, la società è convinta del fatto che la causa sia infondata e sia stata promossa dal legale interno del concessionario proprio nel momento in cui FCA US discuteva con il gruppo del concessionario della necessità che quest’ultimo rispettasse i propri impegni in base a taluni dei contratti di concessione. La società ha piena fiducia nella integrità dei suoi processi di business e dei suoi rapporti con la rete e intende difendere vigorosamente il caso."

 

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia