Bmw Serie 6 Gran Turismo: sotto falso nome

16 giugno 2017
a cura di Redazione Automobilismo
Bmw Serie 6 Gran Turismo: sotto falso nome
La seconda generazione della Serie 5 GT viene alleggerita di 150 kg e resa più filante a dispetto delle dimensioni extra large. A un comfort da ammiraglia si accompagnano motori con potenze da 249 a 340 Cv.

Prezzi da 68.100 euro

Bmw Serie 6 Gran Turismo: sotto falso nome

Il nome non tragga in inganno. La Serie 6 Gran Turismo non è un’ardita interpretazione in ottica “famigliare” della Serie 6 – per quello esiste già la variante a quattro porte Gran Coupé – quanto piuttosto la seconda generazione della nota Serie 5 Gran Turismo. Magie del marketing legate alla volontà di enfatizzare l’imponenza e al tempo stesso la linea della vettura, resa più aggraziata e filante che in passato complici l’allungamento della carrozzeria di 90 mm e il contestuale ribassamento di 21 mm. Declinata nelle versioni Sport Line, Luxury Line e MSport, la Serie 6 GT, attesa nelle concessionarie a novembre, vede il listino prezzi partire da 68.100 euro.

Interasse XXL

Non vengono meno le caratteristiche peculiari della vecchia Serie 5 Gran Turismo, vale a dire un interasse “chilometrico” (3,07 metri), a tutto vantaggio dell’abitabilità posteriore, la presenza del portellone, le sedute rialzate e un comfort degno di un’ammiraglia. La lunghezza complessiva raggiunge i 5,09 metri – un solo cm in meno rispetto alla Serie 7 – mentre il Cx, vale a dire il coefficiente di resistenza aerodinamica, si attesta a 0,25. Un valore lusinghiero, ottenuto grazie alle paratie attive in corrispondenza sia del doppio rene sia delle prese d’aria inferiori, al fondo carenato, all’ala posteriore a scomparsa e alle feritoie lungo la grembialatura anteriore, definite Air Curtains, incaricate di convogliare i flussi lungo le ruote per poi espellerli attraverso gli Air Breather integrati nelle fiancate. Una soluzione che riduce i vortici all’interno dei passaruota.

Sospensioni pneumatiche di serie

Bmw Serie 6 Gran Turismo: sotto falso nome

Sottopelle riprende quanto introdotto dalla nuova generazione della Serie 5. A partire dal pianale modulare, che porta in dote un alleggerimento medio di 150 kg, passando per la trasmissione automatica Steptronic a 8 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia, unica opzione disponibile, sino ad arrivare ai motori. Al lancio, la Serie 6 GT può contare, lato benzina, su di un 6 cilindri in linea 3.0 a iniezione diretta sovralimentato mediante un turbo a doppio stadio (640i GT), accreditato di 340 Cv, mentre lato Diesel l’offerta è legata al 6 cilindri 3.0 td da 249 o 265 Cv della 630d GT. Trazione posteriore o integrale xDrive e sospensioni pneumatiche autolivellanti al retrotreno di serie.

Più capiente e hi-tech

Comfort e praticità sono i segni distintivi della famiglia Gran Turismo. Non fa eccezione la nuova Serie 6 che vede la capacità del bagagliaio crescere di 110 litri rispetto al passato, così da raggiungere i 610 litri con cinque persone a bordo e i 1.800 litri una volta abbattuto il divanetto frazionabile 40/20/40. La stretta parentela con la Serie 5 Touring porta in dote un ribassamento di 5 cm della soglia d’accesso al vano di carico, la disponibilità di un apposito vano dove riporre la cappelliera una volta rimossa e la condivisione del layout dell’abitacolo, con la peculiarità di garantire ai passeggeri posteriori uno spazio in altezza superiore. Alla classica gestione delle opzioni di bordo mediante il controller multifunzione iDrive si affiancano un inedito display touch da 10,2 pollici e i comandi sia vocali sia gestuali. La dotazione di sicurezza e la strategia di assistenza alla guida rispecchiano quanto introdotto dalla nuova Serie 5, incluso il Lane Change Assistant, vale a dire la tecnologia di supporto attivo al mantenimento della corsia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta