Barack Obama resta a piedi con la limousine in Israele

21 marzo 2013
Barack Obama resta a piedi con la limousine in Israele
Un banale errore umano ha costretto Obama a fermarsi a bordo strada con la limousine che lo accompagnava durante la sua visita in Israele, in attesa di una nuova auto blindata. Scoprite le incredibili caratteristiche di questa limousine

Barack obama resta a piedi con la limousine in israele

Loading the player...

 

Prima o poi nella vita può capitare di mettere gasolio al posto della benzina o viceversa nella propria auto. Figuratevi che è capitato anche a chi ha fatto rifornimento alla limousine che doveva accompagnare Barack Obama durante la visita in Israele. E, naturalmente, il motore 6.6 della Cadillac ha smesso di funzionare costringendo il presidente USA e tutta la sua delegazione ad una pausa forzata a bordo strada. Poi, si è dovuto attendere una nuova auto blindata per accompagnare Obama nel suo tour ma di certo chi si è occupato di fare il pieno all’auto si sarà preso una lavata di capo…presidenziale!

 

The beast” viene chiamata la nuova Cadillac presidenziale, proprio per sottolineare quanto sia resistente e massiccia. Ma di certo il suo motore diesel 6.6 litri mal sopporta la benzina che, come sappiamo, è molto più “secca” del gasolio e non lubrifica adeguatamente le parti meccaniche con le conseguenze che si possono immaginare. Ma la vera particolarità di quest’auto, oltre alla blindatura eccezionale, sta nei gadget che farebbero invidia a James Bond.

 

Sigillata rispetto all’ambiente esterno per resistere ad eventuali attacchi biochimici, una piastra in acciaio corre sotto tutta la limousine in caso di bombe sul suolo stradale, c’è una riserva di sangue del gruppo sanguigno del Presidente USA in caso siano necessarie trasfusioni di emergenza. E ancora, è dotata di cannoni a gas lacrimogeno, un fucile Remington e una macchina fotografica con visore notturno. Nel bagagliaio contiene una scorta di ossigeno e un sistema antincendio, gli pneumatici sono a prova di foratura ma consentirebbero comunque di scappare grazie ad un cerchio in acciaio sotto al battistrada che manterrebbe l’assetto dell’auto. Per quanto riguarda, invece, la blindatura, basti pensare che le porte pesano come quelle di un Boeing 757 e le pareti della carrozzeria - realizzata in alluminio, titanio, acciaio - sono spesse otto centimetri! Infine, il serbatoio del carburante è blindato e circondato di schiuma per evitare che esploda in caso venga raggiunto da un proiettile. Ma purtroppo tutto ciò non è bastato per evitare un errore così banale!

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tags

Sposta