Volkswagen T-Roc, arriva il restyling

La VW T-Roc è partita un po' in ritardo rispetto alla maggior parte dei concorrenti, ma tra i SUV compatti, ma ha guadagnato rapidamente terreno dal 2017 con oltre un milione di unità vendute negli ultimi quattro anni. La gamma si è ampliata alla del 2019 con la variante sportiva R da 300 CV ed una cabriolet arrivata nella primavera del 2020. Ora giunge il momento di un restyling per tutte le versioni...

1/19

La VW T-Roc è partita un po' in ritardo rispetto alla maggior parte dei concorrenti, ma tra i SUV compatti, ma ha guadagnato rapidamente terreno dal 2017 con oltre un milione di unità vendute negli ultimi quattro anni.

La gamma si è ampliata alla del 2019 con la variante sportiva R da 300 CV ed una cabriolet arrivata nella primavera del 2020. Ora giunge il momento di un restyling; le proporzioni sono ovviamente rimaste invariate ed il modello è immediatamente riconoscibile, ma troviamo alcune novità estetiche come la barra luminosa che unisce i due fari anteriori a LED, ora standard, gruppi ottici posteriori più scuri con con indicatori di direzione dinamici, nuovi cerchi in lega tra cui scegliere da 17 a 19 pollici.

Inoltre, sono stati aggiornati i sistemi di assistenza e infotainment e impiegati nuovi materiali morbidi al tatto per cruscotto e pannelli porta, che danno al tutto un aspetto più premium.

Il "Digital Cockpit" con display TFT a colori da 8 pollici è offerto di serie; optional è disponibile anche in formato da 10,25 pollici. Anche il display centrale del sistema di infotainment è stato rivisto, è più simile a un tablet, e collocato più centralmente. Le dimensioni dei touchscreen vanno da 6,5 pollici (base) a 8 pollici nell'equipaggiamento "Style" e "R-Line" alla variante superiore "Discover Pro" con display da 9,2 pollici. Il sistema di infotainment (MIB3) vi consente di accedere ai servizi online e VW (WeConnect plus).

L'equipaggiamento di serie comprende ora, fra l'altro, anche i fari a LED, il Digital Cockpit basato sulla terza generazione del sistema modulare di infotainment MIB3 e un volante multifunzione nuovo.

Motori e trasmissioni non sono stati rivisti o aggiornati il che esclude anche qualsiasi tipo di elettrificazione, per il momento. Sul fronte benzina, troviamo il tre cilindri turbo da 1,0 litri da 110 CV (81 kW) e i due turbo a quattro cilindri con cilindrata di 1,5 litri e 150 CV (110 kW) e 2,0 litri e 190 CV (140 kW), quest'ultimo con trazione integrale 4Motion di serie.

Due le unità diesel da 2 litri, da 115 CV (85 kW) e 150 CV (110 kW), quest'ultimo, anche a trazione integrale. La trazione 4Motion è sempre di serie sulla variante più potente a listino, la T-Roc R da 300 CV (221 kW) di potenza, così come la trasmissione DSG a 7 rapporti, sospensioni riviste, impianto di scarico sportivo ( optional Akrapovic in titanio) e freni maggiorati. La T-Roc Cabrio deve continuare ad accontentarsi del motore entry-level 1,0 litri da 110 CV e del motore, sempre a benzina da 150 CV.

A seconda della versione, la T-Roc è disponibile con un cambio manuale a sei marce o un cambio automatico a doppia frizione a sette rapporti. Come sulla Polo, ritroviamo il sistema di assistenza alla guida IQ Drive Travel Assist. Il sistema può subentrare al guidatore nel controllo dello sterzo, dei freni e dell’acceleratore in un range di velocità compreso tra 0 km/h (con DSG) o 30 km/h (con cambio manuale) e la velocità massima.

A questo scopo, il sistema si avvale, tra l’altro, del cruise control con regolazione automatica della distanza ACC (dinamica longitudinale) e dell’assistenza per il mantenimento della corsia Lane Assist (dinamica trasversale). L’attivazione del sistema avviene mediante lo specifico tasto Travel Assist presente sul nuovo volante multifunzione. Anche dopo l’attivazione dell’IQ.DRIVE Travel Assist, il guidatore deve mantenere le mani sul volante; l’elettronica verifica che questa condizione sia soddisfatta tramite le nuove superfici capacitive sul volante.

1/19

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA