a cura di Redazione Automobilismo - 22 giugno 2018

Volkswagen e Ford: abbozzo di un’alleanza globale

Firmando il memorandum d’intesa i due giganti dell’auto hanno dato il via a un’alleanza strategica che porterà ad estendere la capacità produttiva, rafforzare la competitività e servire meglio i clienti.

In uno scenario politico-economico in così continuo cambiamento e in un periodo di così forte incertezza su tutti i fronti e pieno di continui scandali più nessuno può sentirsi al riparo da possibili crolli o ripercussioni, nemmeno due colossi come il Gruppo Volkswagen o la Ford Motor Company. La massima importanza è ottenere flessibilità attraverso le alleanze. Ecco perché, in un’industria dell’auto che sta vivendo una rivoluzione senza precedenti, le due “super reraltà” del mondo automotive hanno deciso di siglare un memorandum d’intesa che, se da un lato non avrà implicazioni societarie e quindi non porterà a scambi di partecipazioni azionarie, dall’altro genererà un’alleanza strategica che porterà in primis ad estendere la capacità produttiva, rafforzare la competitività e servire meglio i clienti e in secundis a sviluppare congiuntamente un'inedita gamma di veicoli commerciali.

L'inedito asse Wolfsburg-Detroit, che dovrà essere perfezionato nei prossimi mesi, è aperto a qualsiasi possibilità di collaborazione tra i due colossi dell’industria automobilistica così da rendere più forti e competitivi entrambi i Marchi a livello globale. Le future collaborazioni, infatti, potrebbero non solo portare alla realizzazione di progetti condivisi (come lo sviluppo di una nuova gamma di veicoli commerciali) ma anche a rimediare ai cattivi rapporti che si stanno instaurando tra USA e Germania (vedasi dazi imposti da Trump e scandalo del Dieselgate). Ora non ci resta quindi che aspettare e vedere effettivamente che cosa hanno in serbo le due super potenze del settore auto. Sicuramente, con il passare dei giorni, i due Gruppi forniranno nuovi dettagli di questa importante alleanza che non può che far bene ad entrambi i Marchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultima anteprime