a cura di Redazione Automobilismo - 07 dicembre 2018

Volkswagen BlueDiesel R33: il gasolio “anti CO2”

Derivato direttamente dagli olii di friggitura, il nuovo biocarburante promette una riduzione delle emissioni di CO2 di circa il 20%.
  • Salva
  • Condividi
  • 1/4

    Dopo ben 9 mesi di ricerche e utilizzo all’interno dello stabilimento di Wolfsburg, la Volkswagen è pronta a pubblicare i risultati dei test svoltisi sul nuovo carburante ecologico. Stiamo parlando del Volkswagen BlueDiesel R33, un gasolio “green” composto al suo interno oltre che dalla normale componente di gasolio fossile anche da una parte di biocarburante costituita dalle materie grasse residuate di altri impieghi, come quelle che utilizzate per friggere.

    Risultati importanti

    E si, avete letto bene! L’olio delle patatine fritte e altri scarti da smaltire vengono utilizzati nella produzione di materiali grezzi per biocarburanti. Al termine della loro utilizzazione primaria queste materie grasse residue vengono raccolte e inviate a un centro che le filtra, le ripulisce e le processa in una miscela di paraffina o biodiesel così da poter essere aggiunti al gasolio tradizionale in percentuali sino al 33% del totale e creare così il cocktail R33 BlueDiesel. Secondo quanto dichiarato dalla Casa di Wolfsburg e naturalmente rilevato dai risultati degli esperimenti svoltisi in fabbrica, il nuovo biocarburante non solo può essere utilizzato su qualsiasi motore diesel, senza che questo debba essere adattato a livello meccanico in alcun modo, ma garantisce soprattutto una riduzione della emissione di CO2 pari a circa il 20%.

    Pronto alla commercializzazione

    Dopo l’iniziale fase di test e sperimentazione a Wolfsburg, il nuovo gasolio ecologico è ora utilizzato in via continuativa nelle stazioni di rifornimento della Volkswagen a Wolfsburg, soprattutto da tutti i dipendenti della Casa automobilistica tedesca, e in un'altra stazione di prova avviata presso lo stabilimento di Salzgitter, sfruttata oltretutto pure dalla Bosch per verificarne ulteriormente i risultati. Dalla scorsa estate, infine, anche alcuni partner del progetto come la Robert Bosch GmbH hanno iniziato l’erogazione del nuovo biodiesel con l’obiettivo di diffondere questo gasolio “anti CO2” soprattutto alle flotte aziendali che potranno in questo modo dare un loro forte contributo alla riduzione della CO2.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultima anteprime