PROVA : Toyota Yaris Hybrid, ibrida Maiuscola

Più sportiva nel design, la quarta generazione propone un inedito 3 cilindri 1.5 con tecnologia ibrida . Piacevole da guidare grazie al baricentro basso, è comoda, vanta una ricca dotazione di sicurezza e consuma poco ...

1/28

La quarta generazione di Toyota Yaris rivoluziona l’offerta di un modello di riferimento fra le compatte ecologiche da città. Grazie alla piattaforma modulare le dimensioni esterne scendono di 5 mm in lunghezza, per un totale di 3.940 mm, con una larghezza che arriva a 1.745, superiore di 50 mm. L’immagine che ne deriva è di un’auto più compatta e sportiva, con l’altezza che si riduce di 40 mm, il cofano dalle dimensioni importanti e il montante anteriore più arretrato.

Il frontale è disegnato attorno al logo Toyota, con i fari a Led e le fiancate più muscolose. In coda, i gruppi ottici sporgenti segnano il profilo aerodinamico e si raggruppano impreziositi da una cornice che occupa tutto il portellone.

Le novità principali sono rappresentate dalla piattaforma GA-B, dal motore Hybrid Dynamic Force 1.5 e dall’ultima evoluzione del pacchetto di sistemi di assistenza alla guida Toyota Safety Sense. Batteria al litio più leggera Il sistema offre una potenza massima di sistema di 116 Cv ed è ottimizzato soprattutto per il contesto urbano, dove, secondo Toyota, oltre l’80% del tempo di percorrenza avviene a emissioni zero.

È basato su un nuovo tre cilindri da 1,5 litri di cilindrata che funziona con il ciclo Atkinson e ha la fasatura variabile delle valvole. Il suo rendimento termico raggiunge il 40%, migliorando di oltre il 20% in termini di consumi ed emissioni di CO2 e del 15% in termini di potenza rispetto alla generazione precedente.

Nuova Yaris inoltre è equipaggiata con una batteria agli ioni di litio più leggera rispetto a quella al nichel-metallo idruro disponibile sul modello precedente. La nuova batteria ha una tensione incrementata da 144 a 177,6 V. Il numero di celle è stato ridotto: da 120 a 48. Il flusso di corrente è notevolmente migliorato: del 100% in ingresso alla batteria e del 50% in uscita. Con una densità di potenza significativamente più elevata, la batteria è più piccola e più leggera di 12 kg.

Le sue dimensioni compatte ne consentono il posizionamento sotto il sedile dei passeggeri posteriori, insieme alla batteria ausiliaria, evitando perdita di spazio nel bagagliaio. La tecnologia delle batterie agli ioni di litio è in grado id fornire un flusso di corrente migliore, a tutto beneficio di un comportamento dinamico più piacevole soprattutto nella guida in città. Il nuovo powertrain ibrido, dato questo molto significativo, deriva dai più grandi 2.0 e 2.5 introdotti sulla nuova Corolla e sulla RAV4, sviluppati secondo i principi della modularità e con molta attenzione al dimensionamento e al peso dei componenti.

L'obiettivo è quello di aumentare ancora l'efficienza, diminuendo i consumi e aumentando le prestazioni. Per la Yaris la dotazione di serie è completa già dal livello base l’Active che ha di serie 7 air bag, l’accensione automatica dei fari, la telecamera posteriore, il sistema multimediale con schermo da 7 pollici, il volante multifunzione in pelle, il regolatore di velocità adattativo e il pacchetto Toyota Safety Sense con vari sistemi di assistenza alla guida: la frenata automatica, il sistema contro l’involontario cambio della corsia e che spegne i fari abbaglianti.

Le funzionalità del sistema di pre-collisione sono state aumentate in modo da poter rilevare i pedoni di giorno e di notte e i ciclisti durante la guida diurna. Nuova Yaris è anche la prima vettura del suo segmento ad offrire l'assistenza alle intersezioni per rilevare i rischi di collisione con i veicoli in arrivo e pedoni quando si effettua una svolta in un incrocio. La posizione di guida è comoda anche per i guidatori di statura più alta ed ha una conformazione maggiormente sportiva.

SU STRADA

Fin dai primi chilometri di guida, si percepisce subito che questa Yaris Hybird è molto diversa dalla precedente generazione. L'elettrico spinge di più in partenza e il termico interviene dopo, rispetto a prima. Anche il recupero dell'energia in frenata, si rivela migliore. Ma il vero passo in avanti riguarda il famoso effetto scooter, che è stato ridotto ai minimi termini. Ora la risposta alle sollecitazioni è molto più rapida e anche più gradevole dal punto di vista sonoro.

Infine, sono migliorate anche la reattività dello sterzo e la compostezza dell'assetto, che rendono ancora più appagante la guida: comoda e maneggevole nei tracciati più tortuosi, in virtù di un rollio mai eccessivo, oltre che facilmente gestibile, di reazioni equilibrate del retrotreno nei bruschi trasferimenti di carico e di un coricamento laterale limitato, con un’escursione assai controllata delle sospensioni.

Sospensioni che, senza eccedere sia in cedevolezza, sia in rigidità, riescono comunque ad assorbire decorosamente lo sconnesso, con risposte mai troppo secche da parte degli ammortizzatori.

Anche il recupero dell'energia in frenata, si rivela migliore. Infine, sono migliorate anche la reattività dello sterzo e la compostezza dell'assetto, che rendono ancora più appagante la guida. Se si opta per una guida votata prevalentemente al relax, la nuova Yaris non si fa mancare nulla e si porta a casa il meglio che il powertrain ibrido possa offrire.

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA