NUOVA TOYOTA YARIS CROSS

Lunga 24 cm più della Yaris, da cui deriva, la nuova proposta della Casa giapponese punta ad affermarsi nel segmento, oggi in forte espansione, dei Suv compatti. Powertrain solo ibrido, in gamma anche la versione a trazione integrale AWD-i...

1/30

Tre modelli per conquistare una leadership che le mancava in un settore, quello dei modelli di taglia urbana, che soprattutto in Europa resta strategico. E’ così che Toyota dopo la nuova Yaris lancia un altro asso nella manica, forse il più importante, il suvvino Cross per poi completare l’opera nel corso del 2022 con l’arrivo dell’Aygo, magari full-hybrid.

Tre modelli portabandiera della tecnologia ibrida alternativa all’elettrico anche nei centri urbani un contesto ad alto potenziale per le auto a batteria. Una sfida che deve fare i conti con un’agguerrita concorrenza, soprattutto nell’affollato settore dei suv urbani che la Yaris Cross mette nel mirino: ecco i nomi? Il best seller da noi, la Fiat 500X, a cui si aggiungono le VW T-Cross e T-Roc, la Puma di Ford, la Dacia Duster e le stilose Peugeot 2008 e Renault Captur.

La Yaris Cross, però, sembra molto ben attrezzata. Lunga 4 metri e 18, 24 cm più della city car e alta 1,595 metri (+ 9,5 cm), la Cross ha lo stesso passo, di 2,56 metri, però grazie alla gommatura da 16 fino a 18 pollici e alle modifiche alle sospensioni ha un’altezza da terra di 17 cm, 2,5 cm in più.

Un package rispetto alla Yaris che lascia intatta la maneggevolezza ma rassicura nella guida sui fondi più irregolari, specie se la versione è quella dotata di quattro ruote motrici: un’opzione da 2.500 euro in più.

Cambio automatico E-CVT
La guida della Cross col sistema AWD-i migliora la stabilità e la trazione sulla bassa aderenza. Il sistema elettrico è più compatto e pesa meno delle unità AWD meccaniche e poi aiuta la Yaris Cross Hybrid AWD-i ad ottenere migliori consumi ed emissioni di CO2 rispetto alle concorrenti B-suv a trazione integrale.

A spingere la Yaris Cross c’è il powertrain ibrido che è basato sul motore 3 cilindri da 1.500 cc a ciclo Atkinson di quarta generazione da 116 Cv che si segnala per l’alta efficienza con emissioni di CO2 a partire da 100 g/km per la versione a trazione anteriore e da 106 g/km nei modelli AWD-i.

Come tutte le ibride Toyota, anche la Cross utilizza il cambio E-CVT che offre una gamma infinita di rapporti. Quando l’auto rallenta entrambi i motori elettrici sono trascinati dalle ruote e ricaricano la batteria agli ioni di litio da 0,76 kWh, molto compatta e alloggiata sotto il divano. Attivando con l’apposito pulsante la modalità EV è possibile viaggiare a zero emissioni per pochi km.

La versione con la trazione anteriore e quella AWD-i utilizzano lo stesso motore da 92 Cv, ma sono diverse a livello di unità elettriche: una è integrata nel motore da 80 Cv nella Cross a due ruote motrici, mentre la AWD-I offre un secondo motore a induzione che eroga 5,3 Cv.

La velocità è identica nei due casi, 170 km/h, mentre lo 0-100 km è raggiunto in 11,2 secondi dalla versione a trazione anteriore e in 11,8 dall’integrale.

Leggermente diversi anche i consumi combinati WLTP: 4,4-5,0 litri per 100 km la prima e 4,7-5,1 per la seconda. All’interno la Cross è dotata di cruscotto digitale, climatizzazione bizona e di un nuovo sistema multimediale con schermo da 9 pollici dotato di funzionalità Apple CarPlay e Android Auto senza necessità di fili.

ll bagagliaio è grande e ha un accesso ben dimensionato: ha una profondità di 82 cm e una capacità di 397 litri con trazione anteriore e scende a 320 litri per la 4x4. Cinque gli allestimenti previsti per la Toyota Yaris Cross a cui si aggiunge in termini di prezzi di listino un’offerta di lancio che parte da una soglia di base di 22.650 euro, ma che prevede sia una permuta che una rottamazione oltre ai bonus per l’ibrido offerti dalla casa giapponese.

1/7

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA