a cura di Redazione Automobilismo - 09 marzo 2019

Tesla Supercharger V3: la potenza di ricarica sale fino a 250 kW

La potenza di ricarica (250 kW) non sarà più divisa tra le auto collegate alla stessa colonnina così da garantire fino a 75 miglia (121 km) d'autonomia in cinque minuti o 1.000 miglia (1.600 km) di carica in un’ora.
1/11

Tesla ha presentato i nuovi Supercharger V3 da 250 kW, le "super" colonnine di ricarica capaci non solo di dimezzare i tempi di ricarica delle auto elettriche rispetto alle colonnine di seconda generazione da 120 kW ma anche di garantire una potenza di ricarica (250 kW) non più suddivisa tra le auto collegate alla stessa colonnina, raddoppiando di fatto la capacità di ogni stazione. Le nuove stazioni, che saranno disponibili dalla prossima estate, saranno capaci di garantire una tale potenza grazie a un completo aggiornamento delle tecnologia esistente. Al fianco dei nuovi punti di ricarica verrà, infatti, installata una centrale elettrica da 1 MW e, seppur identiche dal punto di vista estetico, le nuove colonnine si avvarranno di inediti cavi di ricarica più sottili ed equipaggiati con sistema di raffreddamento a liquido interno.

Prima su Model 3 poi sulle altre

Nella fase preliminare, chiamiamola di test, queste nuove colonnine verranno attivate unicamente negli stati della costa occidentale degli Stati Uniti per poi diffondere la nuova tecnologia in tutto il mondo, Europa compresa, entro la fine di quest'anno. L'upgrade di potenza avverrà però in modo graduale con una prima fase in cui le nuove colonnine verranno "spinte" fino a 200 kW e poi una fase finale in cui si avrà a disposizione la piena potenza di 250 kW. Discorso simile per i modelli supportati: i primi a beneficiare della nuova tecnologia di ricarica saranno, infatti, i proprietari di Tesla Model 3 mentre solo in un secondo momento la tecnologia sarà resa disponibile anche su Model S e Model X. Il tutto avverrà senza alcun intervento manuale ma semplicemente con un aggiornamento software che verrà inviato alle vetture interessate grazie agli update automatico con tecnologia over-the-air.

121 km di autonomia in 5 minuti

Grazie alle nuove stazioni sarà possibile non solo ricaricare completamente una Model 3 Standard Range in circa 15 minuti o una Model 3 Long Range con 560 km d'autonomia in poco più di 20 minuti, ma anche garantire fino a 75 miglia (121 km) d'autonomia in cinque minuti o 1.000 miglia (1.600 km) di carica in un’ora, senza più dover suddividere la potenza tra le due auto collegate alla stessa colonnina, così da dimezzare i tempi di ricarica e raddoppiare il numero di clienti in carica per ogni ora.

Preriscaldamento batteria

Come se non bastasse Tesla ha deciso di aggiornare anche le sue colonnine Supercharger V2 da 120 kW, potenziandone ben 12.000 sparse per il mondo con la ricarica a una potenza massima di 145 kW. Infine, sempre grazie ai prossimi upgrade software con tecnologia over-the-air, verrà introdotta una nuova funzionalità, chiamata On-Route Battery Warmup, con la quale la batteria verrà riscaldata automaticamente fino alla temperatura ottimale di ricarica (quando il navigatore è impostato per raggiungere un Supercharger) così da abbattere di circa il 25% i tempi di ricarica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News