Suzuki Jimny da il benvenuto alla versione autocarro

Caratterizzata da soli due posti a sedere, la versione autocarro (categoria N1) è ora disponibile anche per il mercato italiano.

1/3

Con l’obiettivo di andare incontro alle esigenze dei professionisti che devono fare frequenti viaggi di lavoro il Marchio nipponico ha pensato bene di introdurre sul mercato europeo anche una variante autocarro del suo iconico fuoristrada compatto. Denominata naturalmente N1, questa variante è caratterizzata da due soli posti a sedere ma da un vano bagagli con pianale piatto e rete divisoria di sicurezza per suddividere lo spazio di carico. In questo modo il Suzuki Jimny entra di diritto nella categoria autocarro, quella che per la legge italiana comprende i veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima non superiore a 3,5 tonnellate. Invariata nell’anima - rimangono, infatti, i capisaldi del modello come telaio a traliccio, motore longitudinale, angoli caratteristici, sospensioni a ponte rigido a 3 bracci e trazione 4×4 AllGrip Pro dotata di riduttore – la Suzuki Jimny N1 ha una capacità di 863 litri, 33 unità in più rispetto al modello passeggeri quando i sedili posteriori sono ripiegati, e un fondo particolarmente piatto e regolare per facilitare le operazioni di carico e scarico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News