a cura di Redazione Automobilismo - 29 dicembre 2018

Suzuki Jimny 2018: problemi all'Esp?

Nella guida ad alta velocità vi sarebbero degli interventi eccessivi, repentini e inopportuni del sistema di controllo della stabilità. Al vaglio le cause da parte della Casa giapponese.
  • Salva
  • Condividi
  • 1/4

    Secondo i rumors trapelati in rete e confermati dalla stessa Casa di Hamamatsu, il nuovo Suzuki Jimny sarebbe affetto da un problematica "elettronica" all'Esp , il sistema elettronico di controllo della stabilità. A quanto ci è dato sapere, infatti, durante una guida ad alta velocità o brusca o su strade particolarmente tortuose e ricche di curve l'Esp del Suzuki Jimny 2018 tende a intervenire in modo eccessivo, repentino, inopportuno e brusco, anche in quelle situazioni di non necessità, innescando inevitabilmente fastidiosi scuotimenti dell'abitacolo e una guida non fluida. Per fortuna però l'anomalia non è così invasiva da pregiudicare in alcun modo la direzionalità e la stabilità del veicolo, sia chiaro, ma di sicuro non la rende affatto fluida e confortevole.

    Il fatto però ancora più strano è che questa particolare anomalia non si sia mai presentata ne nelle fasi di sviluppo ne in quelle di collaudo e non sia mai stata riscontrata dai tecnici giapponesi ne da tutti coloro i quali fino ad oggi hanno avuto l'opportunità di provare la nuova Jimny. Ad accorgersi dello strano problema sarebbero stati i giornalisti inglesi di Autocar alle prese con due Suzuki Jimny sulle tortuose strade della California durante il World Car of the Year Awards.

    La Casa ha quindi potuto apprezzare la problematica sulle strade della California ma non è stata ancora in grado di ripetere il fenomeno all'interno del proprio Centro prove in Giappone. La stessa Suzuki ha quindi deciso di approfondire i test per capire cosa inneschi la problematica ma, non ritenendo l'anomalia pericolosa per gli automobilisti, ha deciso di non sospendere le vendite ne tanto meno di ritardare le consegne o di avviare una campagna di richiamo, almeno per ora.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultima anteprime