a cura di Redazione Automobilismo - 14 maggio 2019

Seggiolini con sistemi antiabbandono: slittato nuovamente l’obbligo

La solita lungaggine della burocrazia italiana ha nuovamente fatto slittare fino a novembre 2019 l’entrata in vigore di questo importante decreto.
1/15
Come sempre più spesso accade in Italia quando si tratta di attuare un decreto serio, utile e importante la lentezza burocratica non fa altro che posticipare sempre più l’attuazione della nuova norma. Peccato che lo stesso non accada quando a dover essere approvata è qualche nuova legge che alza o inserisce una nuova tassa a forte discapito di noi contribuenti e a tutto vantaggio dello Stato. Questa volta ad essere oggetto di questo solito teatrino è la norma che consente di trasportare bambini in auto soltanto se la stessa vettura è dotata di un sistema antiabbandono cioè in grado di impedire la dimenticanza a bordo di un bambino. Questa nuova legge sarebbe, infatti, dovuta entrare in vigore definitivamente il prossimo primo luglio ma come al solito, a causa della lungaggine della burocrazia italiana, non troverà piena applicazione prima del prossimo novembre.
Ma cosa avrebbe portato al solito rallentamento? A quanto pare è stata la non pubblicazione entro il 27 dicembre 2018 delle caratteristiche che questi dispositivi avrebbero dovuto rispettare per poter essere a norma. La bozza, infatti, sarebbe arrivata solamente il 21 gennaio 2019 e da qui ha dovuto subire prima il passaggio negli uffici dell’Unione europea e poi in quelli del Consiglio di Stato. Terminate queste procedure la norma prevede che debbano passare altri 120 giorni per arrivare alla effettiva e definitiva entrata in vigore della legge. Viste le tempistiche quindi non possiamo che aspettarci una sua entrata in vigore definitiva non prima di novembre 2019. Intanto non possiamo fare altro che consigliarvi di non acquistare i seggiolini, provvisti di questi sistemi, attualmente in commercio perché potrebbero non essere pienamente a norma in quanto allo stato attuale delle cose una vera e propria norma anche non esiste.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News