Primo contatto: RENAULT TWINGO ELECTRIC

Una compatta ideale per la città, sia in virtù degli scatti rapidi assicurati dal motore elettrico, sia grazie alle dimensioni compatte e al raggio di sterzata molto ridotto (4,3 metri) ...

1/18

Il processo di elettrificazione nel mondo dell’automobile corre sempre più veloce, ma lo sviluppo delle infrastrutture purtroppo non procede di pari passo, tanto che allo stato attuale, almeno in Italia, le vetture totalmente elettriche si scontrano con un numero di colonnine di ricarica non ancora in grado di soddisfare le esigenze di chi percorre parecchi chilometri quotidianamente.

Ecco perché le proposte più interessanti sono costituite dalle auto da città, che per definizione non vengono utilizzate per lunghe percorrenze quotidiane e possono essere tranquillamente ricaricate durante la notte con la rete elettrica di casa, godendo dei relativi vantaggi economici.

Il prezzo dell’energia presso le colonnine si attesta infatti intorno a 0,40 euro/kW/h, circa il doppio del costo che si ha ricaricando la batteria attraverso la propria rete domestica. La Renault Twingo è sicuramente una delle auto da città più appetibili, sia perché favorita dagli incentivi recentemente introdotti, sia perché la sua percorrenza media reale di circa 150 km consente un reale utilizzo quotidiano senza alcun tipo di limitazione.

Sotto il pianale si trova infatti una batteria agli ioni di litio dalla capacità di 21,4 kWh, associata però a un sistema di ricarica abbastanza inusuale per auto di questo tipo, dato che consente di ricevere fino a 22 kW in corrente alternata, quanto basta per acquisire un’autonomia di circa 80 km in un tempo di mezz’ora presso le colonnine in grado di erogare tale livello di energia.

Con la rete domestica e il caricabatterie in dotazione da 2,3 kW, i tempi si allungano fino a 15 ore, ma il costo medio ipotetico di un “pieno” da 20 kW corrisponderebbe all’incirca a 4 euro contro gli 8 euro di spesa presso una colonnina.

Calcolando una percorrenza media effettiva di circa 150 km con un “pieno”, i vantaggi economici rispetto a un’auto convenzionale si ottengono quindi solo ricorrendo alla rete domestica, ma dal punto di vista pratico, una compatta come appunto la nuova Twingo offre comunque l’immediata disponibilità di coppia (160 Nm il valore massimo) che consente scatti rapidi al semaforo (da 0 a 50 km/h in 4,2 secondi), mentre l’assenza del cambio rende ancora più confortevole la guida urbana a causa dell’assenza delle interruzioni di coppia legate inevitabilmente alla presenza del cambio.

La classica leva sul tunnel consente infatti solo di attivare un più marcato effetto di recupero dell’energia in fase di rilascio per ricorrere meno ai freni, anche se l’effetto è decisamente inferiore rispetto ad altre auto elettriche che si possono guidare facendo praticamente a meno di premere il pedale del freno. Anzi, nel caso della Twingo, la modulabilità è un po’ problematica a causa dell’azione frenante non molto progressiva, soprattutto alle basse velocità, quando non è facile ottenere decelerazioni costanti.

In compenso il motore da 82 Cv assicura la giusta dose di brio che serve per districarsi nel traffico, mentre nei parcheggi il diametro di sterzata davvero ridotto ai minimi termini, associato alle dimensioni compatte della carrozzeria, consente di parcheggiare agevolmente anche negli spazi più ristretti.

Ma anche la percorrenza delle tangenziali che circondano le grandi città è sempre agevole grazie alla possibilità di raggiungere una velocità massima di 135 km/h, un dato interessante, anche se parecchio penalizzante sul fronte dell'autonomia, che si riduce sensibilmente quando si superano i 90/100 km/h di velocità.

Pratica e funzionale grazie alla carrozzeria a 5 porte, la Twingo Electric offre inoltre una buona capacità di carico, ampliabile reclinando gli schienali.

L’allestimento Vibes Limited Edition si distingue esternamente per la tinta Orange Valencia e per i fregi laterali, che nel caso della versione cosiddetta “full” si estendono fino al tetto.

COSE DA SAPERE

La batteria da 21,4 kWh si compone di cellule agli ioni di litio sviluppate in collaborazione con LG Chem e dispone del sistema di raffreddamento ad acqua per assicurare sempre le massime prestazioni e la migliore affidabilità possibile.

Il gruppo motore, riduttore e caricatore della Twingo Electric deriva dalla Zoe ed è realizzato da Cléon, in Normandia, sulle stesse linee in cui nascono le altre Renault elettriche. La Twingo Electric, come del resto i modelli convenzionali, viene assemblata nello stabilimento di Novo Mesto in Slovenia.

Il caricatore intelligente Caméléon, brevettato da Renault, consente alla Twingo Electric di essere ricaricata nelle infrastrutture a corrente alternata (AC) fino a 22 kW. Questa tecnologia le permette di adattarsi alla potenza disponibile sulle singole colonnine per trarne la massima energia nel minor tempo possibile.

L’interno della Vibes Limited Edition è caratterizzato dai sedili rivestiti in tessuto e pelle.

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA