PROVA: NUOVA FORD KUGA FHEV, IL MEGLIO VIENE ADESSO

Con la versione full hybrid, il Suv di medie dimensioni della Casa americana convince sia per souplesse di guida sia per i consumi contenuti. Tenuta di strada sempre elevata grazie alla ... (Listino PDF)

1/20

Con la Ford Kuga ibrida full si è completata la gamma del Suv di medie dimensioni della casa americana. Kuga FHEV, questa la sigla del modello, affianca al propulsore benzina da 2,5 litri da 190 Cv quello elettrico, alimentato dalla batteria da 1,1 kWh ricaricata dallo stesso propulsore elettrico durante le fasi di rallentamento e frenata, quando funziona da generatore. Durante la guida è il sistema a decidere quale tipo di trazione prediligere: solo termica, puramente elettrica oppure una mix delle due, per ottimizzare i consumi – e le emissioni – arrivando a percorrere fino a 1.000 km con un pieno, secondo quanto dichiarato dalla Casa.

Un’autonomia tale da rendere questo modello competitivo rispetto anche ai Suv equipaggiati con motore turbodiesel, con la comodità di non dover ricaricare la batteria alla spina come avviene invece per le plug-in hybrid. Il cuore della tecnologia full-hybrid è costituito dal motore a quattro cilindri con ciclo Atkinson aspirato – capace di erogare 152 Cv – e dal motore elettrico, che può lavorare in abbinamento con quello termico oppure far procedere il Suv in modalità 100% elettrica per brevi percorrenze.

La potenza massima di sistema è di 190 Cv. La gestione automatica del sistema elettrificato permette consumi di carburante di 5,9 l/100 km ed emissioni di Co2 da 131 grammi per ogni chilometro percorso, rilevati con il ciclo Wltp.

Il pacco batteria da 1,1 kWh è composto da 60 celle e utilizza un sistema di raffreddamento a liquido che elimina la necessità di una ventola, contribuendo a ridurre i livelli di rumore del veicolo. Inoltre, l’ottimizzazione del raffreddamento ha permesso di ridurre le dimensioni dell’accumulatore, contribuendo a preservare lo spazio nell’abitacolo a favore dei passeggeri.

Kuga Hybrid è equipaggiata con una trasmissione automatica progettata per lavorare in maniera specifica sia con il motore termico da 2,5 litri che con quello elettrico ed è dotato della funzione che simula i rapporti, aumentando il confort di marcia complessivo.

La funzione di simulazione cambio marcia, attivabile nelle modalità di guida Normal o Sport, regola automaticamente i giri del motore al variare della velocità del veicolo, in modo da ridurre quella sensazione di effetto “elastico” spesso associata alle trasmissioni a variazione continua.

Kuga full hybrid è supportata da una nuova unità di controllo elettronico che consente di avere una risposta lineare e senza la minima esitazione durante i passaggi di funzionamento da elettrico puro, a ibrido a benzina. Inoltre, lo schema ibrido “power split” di ultima generazione presente su Kuga FHEV prevede il motore a benzina da 2,5 litri ed è in grado di regolare i rapporti di marcia in maniera fluida e continua, ottimizzando le prestazioni e l’efficienza dei consumi in tutte le condizioni di guida.

La Kuga full hybrid è disponibile sia con trazione anteriore che, come nel caso dell’esemplare provato, con il Ford Intelligent All-Wheel Drive, che rileva costantemente il livello di aderenza delle ruote ripartendo automaticamente la coppia motrice tra l’asse anteriore e posteriore ottimizzando la tenuta e la sicurezza di marcia.

A livello di equipaggiamenti Kuga full hybrid può contare su una ricca dotazione di sicurezza che a seconda del livello di allestimento include, fra l’altro, Adaptive Cruise Control con Stop & Go, Speed Sign Recognition e Lane Centering.

L’Active Park Assist 2 permette alla Kuga di parcheggiare da sola premendo semplicemente un pulsante. Previsto anche il sistema di mantenimento della corsia Blind Spot Assist 2, una tecnologia che monitora l’angolo cieco rilevando i veicoli in avvicinamento da dietro e sterza leggermente per avvertire il guidatore ed evitare una manovra di cambio di corsia se viene rilevata una potenziale collisione. ù

Una novità anche la tecnologia Intersection Assist, che monitora le potenziali collisioni con veicoli in avvicinamento su corsie parallele frenando per prevenire o mitigare gli effetti degli incidenti possibili durante le fasi di svolta. Ricco di tecnologia anche l’abitacolo: il modem integrato FordPass Connect, tanto per fare un esempio, trasforma il Suv in un Wi-Fi hotspot con connettività disponibile fino a un massimo di 10 dispositivi e oltre ad aiutare nella pianificazione di viaggi più veloci e rilassanti e a offrire ai passeggeri la possibilità di usufruire di canali d’intrattenimento online durante il viaggio, fornisce una serie di funzioni attraverso l’app FordPass, tra cui il Vehicle Locator e il Remote Start.

Inoltre, il pad di ricarica wireless, che rileva automaticamente i dispositivi compatibili, permette di rimanere connessi durante il viaggio e consente ai passeggeri di ricaricare facilmente i propri smartphone senza intreccio di cavi. I dispositivi rimangono connessi al sistema di comunicazione e intrattenimento Ford SYNC 3 via Bluetooth anche mentre sono in carica, supportati da un touch-screen centrale a colori da 8’’ con funzione pinch&swipe, e compatibile con Apple CarPlay e Android Auto.

Disponibile anche il sistema audio premium B&O per permettere agli occupanti di ottenere il meglio dalla musica in streaming. Il sistema da 575 watt, dotato di 10 diffusori presenta un doppio subwoofer esterno per una produzione uniforme dei bassi, mentre la posizione dei tweeter, nel cruscotto, è stata ottimizzata per garantire un’esperienza di ascolto avvolgente per tutti gli occupanti. L’allestimento ST Line X dell’esemplare in prova è molto ricco e oltre al sistema audio premium B&O include di serie, fra l’altro, navigatore satellitare, cerchi da 18”, cruscotto digitale e portellone elettrico.

1/20

Rapida nei cambi di direzione Fin dai primi chilometri al volante della Kuga la prima nota positiva ad emergere è il confort di marcia, che nel complesso si presenta all’altezza di vetture di caratura superiore: ciò vale sia nell’impiego autostradale, dove neppure il rotolamento dei pur maggiorati pneumatici arriva ad acquisire livelli rilevanti, sia nell’impiego in città, dove le sospensioni mostrano di sopportare senza problemi le varie irregolarità del fondo stradale. Il motore, per parte sua, non manca di brio e vivacità ma soprattutto è fluido nell’erogazione e grazie alla presenza della trasmissione automatica prontezza e piacevolezza in ripresa appaiono fuori discussione.

A completare il quadro concorrono poi la valida tenuta dei sedili e, più in generale, una posizione di guida corretta e poco affaticante. Il confort, peraltro, non è l’unico elemento qualificante della Kuga, che si presenta in grande spolvero anche quanto a comportamento stradale: precisa, brillante, equilibrata, la Suv Ford vanta elevati limiti di tenuta laterale, un bell’appoggio sull’avantreno e un’apprezzabile rapidità nell’assimilare i cambi di direzione, a dispetto di un assetto relativamente morbido che concede un po’ di spazio al rollio. Ma il coricamento laterale è rapido e progressivo, tanto da non infastidire nelle sequenze di curve e da non pregiudicare un appoggio sincero.

Un comportamento da rilassante Suv da viaggio, ma che sa soddisfare con efficacia quasi equivalente la voglia di guidare, forte di un assetto che conta sui supporti elettronici ormai abituali per la categoria e su un impianto frenante pienamente adatto alle circostanze, tanto da permettere di staccare spazi di arresto sempre contenuti.

Non delude neppure l’azione dello sterzo: la sensibilità non viene meno al crescere della velocità e c’è sempre un buon equilibrio fra prontezza e gradualità della risposta.

Le ultime news video

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA