PROVA: Nuova MERCEDES-EQ EQA 250

Realizzata sulla base di GLA, EQA è la nuova Suv elettrica di prestigio della Casa di Stoccarda. Compatta nelle dimensioni, è ben accessoriata fin dall’allestimento base ed è molto sofisticata sotto il profilo tecnologico. Comoda e accogliente, alla guida infonde grande sicurezza in qualunque condizione, anche quando si alza il ritmo. Il peso non penalizza eccessivamente l’agilità, tenuta di strada sempre elevata ...

1/28

Non esisteva, è arrivata. Realizzata sulla base di GLA, la Mercedes attualmente più venduta, EQA è una crossover 100% elettrica, compatta nelle dimensioni, accessibile nel prezzo, che incentivi inclusi oscilla fra 30 e 40 mila euro. Si tratta quindi di un’elettrica premium ma accessibile e alla portata di tutti: come GLA, ma a zero emissioni. EQA è disponibile nella versione 250 con un motore da 140 kW e un'autonomia di 426 km con omologazione Wltp, affiancata dalle versioni a trazione integrale 4Matic e con autonomia superiore ai 500 chilometri.

Secondo modello elettrico della famiglia EQ dopo la maxi Suv EQC, EQA è lunga 4,46 metri, larga 1,83, alta 1,62 e con un passo di 2,73 metri. La prima variante di Mercedes EQA a debuttare è la 250, che è quella che abbiamo provato e che eroga una potenza massima di 140 kW (190 Cv) e 375 Nm di coppia. Le prestazioni dichiarate dalla Casa sono una velocità massima autolimitata di 160 km/h e un’accelerazione 0-100 km/h in 8,9 secondi. La batteria agli ioni di litio a due livelli e 200 celle è posizionata nel sottoscocca dell’auto ed è da 66,5 kWh.

Per ricaricarla utilizzando una Wall Box occorrono 5 ore e 45 minuti (dal 10 al 100%), mentre occorrono 30 minuti per caricarla fino all’80% se si usa la ricarica rapida. Rispetto alla GLA, la Mercedes EQA propone differenti soluzioni aerodinamiche date dalla sua natura di auto elettrica. Il coefficiente Cx parte da 0,28, un valore buono per un’automobile di questo tipo. Il sottoscocca poi è praticamente piatto, data l’assenza dell’albero della trasmissione e del sistema di scarico, soluzione che migliora l’aerodinamica e quindi l’efficienza del veicolo.

Data la presenza di un sottoscocca piatto, sono state modificate le grembialature anteriori e posteriori per una migliore gestione dei flussi. Le batterie sono integrate nella scocca e permettono di ottenere un’altezza minima da terra di 200 mm, utile sia per la guida in offroad, sia per garantire la massima sicurezza. Per assicurare gli elevati standard del marchio in tema di confort acustico e vibrazionale, la trazione elettrica è stata disaccoppiata dagli organi meccanici del telaio e dalla carrozzeria, inoltre sono stati applicati numerosi interventi di isolamento.

Più in dettaglio sull'asse anteriore è stato montato un generatore elettrico asincrono. Il generatore elettrico, il cambio a rapporto fisso con differenziale, il sistema di raffreddamento del motore e l'elettronica di potenza costituiscono un'unità molto compatta e altamente integrata: la catena cinematica elettrica (eATS). Il rapporto di trasmissione del cambio e le ruote dentate sono stati concepiti per soddisfare le esigenze della trazione anteriore.

Sulle versioni a trazione integrale 4MATIC la richiesta di potenza tra l'asse anteriore e quello posteriore viene regolata 100 volte al secondo in base alle situazioni di guida. Come equipaggiamento a richiesta è un dispositivo di traino con stabilizzazione del rimorchio ESP. Il carico rimorchiabile di EQA 250 è di 750 chilogrammi, mentre il carico verticale è di 80 chilogrammi.

1/23

A bordo la plancia si ispira a quella di GLA, con due grandi schermi da 10,25 pollici, ma con un tocco di originalità dato dai dettagli color oro rosé o blu a seconda dell’allestimento sulle bocchette di ventilazione e sui sedili (oltre che sulla chiave). Anche la strumentazione, a cui non mancano visualizzazioni specifiche dei modelli elettrici, riprende le tonalità cromatiche dell’oro rosé e del blu.

La dotazione di serie include il sistema di Infotainment Mbux (Mercedes-Benz User Experience), la cui configurazione può essere personalizzata selezionando diverse opzioni. I più significativi vantaggi di questo moderno sistema sono il potente elaboratore dati, la visualizzazione personalizzabile, il display head-up a colori, la navigazione con Realtà Aumentata il software con funzione di autoapprendimento e le azioni vocali attivabili con la parola chiave “Hey Mercedes”. Come sempre il cuore dell'infotelematica delle Mercedes è il sistema Mbux.

Nel caso della Eqa è stato ottimizzato per l’utilizzo su una vettura elettrica a partire dall’Electric Intelligence che permette di calcolare i tragitti sulla base dell’autonomia residua. Gli indicatori della strumentazione e del display multimediale sono facilmente leggibili. Nello schermo multimediale si possono richiamare i menu relativi alle opzioni di ricarica, al consumo di corrente e al flusso di energia dalle schede di Mercedes EQA.

Grazie a una pompa di calore, il calore residuo della trazione elettrica viene sfruttato per il riscaldamento dell’abitacolo, riducendo il fabbisogno di corrente della batteria per il riscaldamento e incrementando l’autonomia. Ovviamente è ricca anche la dotazione di Adas, tra cui l’antisbandamento attivo e il sistema di assistenza alla frenata attivo, con alert ben visibili sulla strumentazione digitale. EQA è disponibile in 6 livelli di allestimento con prezzi a partire da 41.139 euro Iva esclusa e 51.150 euro Iva e messa su strada incluse.

Tutte le versioni possono accedere agli incentivi governativi, compresi tra 6.000 e 10.000 euro. Gli allestimenti sono stati ribattezzati Sport, Sport Plus, Sport Pro, Premium, Premium Plus e Premium Pro. Premium, Premium Plus e Premium Pro sono caratterizzati da un look segnato dall’inconfondibile AMG Line.

Tutti gli allestimenti sono molto completi fin dalla versione di ingresso Sport, completa di cerchi da 18", fari LED con abbaglianti adattivi, doppio display da 10,25", navigatore e luci ambient e Easy PACK. Sul fronte della sicurezza, salgono a bordo il Mirrorpack, il pacchetto assistenza al parcheggio con telecamera, il kneebag per il guidatore e i più avanzati sistemi di assistenza alla guida.

La Sport Plus (42.746 euro Iva esclusa e 53.110 euro Iva e messa su strada incluse) aggiunge la funzione di realtà aumentata, i sedili anteriori riscaldabili, il climatizzatore bizona, l’Advanced Sound System, il Keyless Go e la Wireless Charging. Sport Pro (46.189 euro Iva esclusa e 57.310 Iva e messa su strada incluse) si arricchisce di tetto panorama, Head up display, sedili anteriori con memoria, MBUX con interior assistant, telecamera 360° e impianto stereo Burmester. Sulla Premium (44.943 euro Iva esclusa e 55.790 euro Iva e messa su strada incluse), che si distingue per lo stile AMG, che segna in maniera inconfondibile esterni ed interni, sono di serie cerchi AMG da 18", vetri oscurati e climatizzatore bizona. La Premium Plus (46.033 euro Iva esclusa e 57.120 euro Iva e messa su strada incluse), porta a bordo della EQA la realtà aumentata, i sedili anteriori riscaldabili l’Advanced Sound System, il Keyless Go e la Wireless Charging.

La versione di punta è la Premium Pro (49.295 euro Iva esclusa e 61.100 euro Iva e messa su strada incluse) e, come tutte le altre versioni di EQA, include il tetto panorama, l’head up display, i sedili anteriori con memoria, l’MBUX con interior assistant, la telecamera 360° e l’impianto stereo Burmester.

1/18

Come detto l’autonomia dichiarata nel ciclo Wltp è di 426 km. Uno degli obiettivi principali della prova era vedere quali erano i consumi di energia elettrica in condizioni reali. In primo luogo, una volta a bordo si apprezza la posizione di guida che permette di percepirne bene le dimensioni del veicolo. E in tema di design abbinato alla funzionalità è molto bello, e appunto utile, il doppio display panoramico da 10,25 pollici ciascuno. Pratici ed intuitivi i comandi al volante.

Chi siede dietro, troverà spazio abbondante per due persone, meno per tre, tenendo da conto anche il gradino in posizione centrale dato dal pacco batteria. L'ingresso è agevole considerando l'angolo di apertura della portiera. Valido lo spazio a disposizione per la testa, così come l'angolo di seduta.

I sedili posteriori si possono ripiegare nel classico schema 40/60 ma è anche possibile abbattere solamente la porzione centrale per poter sistemare o riporre oggetti molto lunghi. Dopo pochi chilometri di marcia si apprezza un'altra caratteristica: il confort acustico a bordo merito anche del disaccoppiamento tra la trazione elettrica e altri organi meccanici dal telaio per garantire silenziosità e vibrazioni al minimo.

Le sospensioni sono tarate sulla comodità ma l'assetto delle EQA è tutt'altro che cedevole specie sulle strade extraurbane con molte curve e nei tracciati più guidati: il comportamento dinamico è solido e comunicativo anche in eventuali aggiustamenti repentini di traiettoria in curva. EQA si rivela piuttosto precisa negli inserimenti in curva, non concede troppo rollio e si trova perfettamente a suo agio in autostrada dove, una volta scelto il giusto ritmo, si lascia guidare offrendo un comportamento convincente e sempre facile da assimilare in ogni frangente. Allo stesso modo la tenuta di strada è sempre sicura, con reazioni facilmente controllabili anche in caso di manovre improvvise.

Tra le quattro modalità di guida selezionabili, tre preimpostate e una personalizzabile, abbiamo scelto la Eco, la più conservativa della batteria. E per il recupero dell'energia in decelerazione delle tre varianti (D, D- e D+) è stata scelta la D- che privilegia un maggiore recupero lasciando il pedale dell'acceleratore. Dopo qualche chilometro di apprendimento la D-, selezionabile dalle palette dietro il volante, si è rivelata un valido alleato in caso di coda improvvisa o magari per essere sicuri di non incappare troppo veloci in un autovelox e in qualsiasi caso mai fastidiosa.

Comunque anche in Eco, se serve, basta schiacciare l'acceleratore per avere disponibili i 375 Nm di coppia che rendono facile un sorpasso nonostante i 2.040 kg di peso dell'auto. Dalla presa domestica di casa a 2,3 kW, la EQA è in grado di ricaricare di media 9,5 chilometri in un’ora. Se invece si dispone di una wallbox con un upgrade di potenza a 6 kW, quindi con circa 4,5 kW disponibili, per ogni ora si ricaricano teoricamente 19 km. Collegandosi invece ad una colonnina pubblica a corrente alternata, che di solito offre un picco massimo di potenza pari a 22 kW.

Il test di carica in corrente continua, realizzato utilizzando una colonnina tipica da 50 kW di potenza, ha consentito di accumulare circa 208 km in un’ora. Il picco massimo in corrente continua disponibile su questo esemplare è pari a 100 kW. Il tutto per un'autonomia media superiore ai 330 km, con una media in città che si aggira sui 6 km/kWh, scesa rispettivamente a 5 e 4 km/kWh nelle percorrenze in extraurbano e a velocità stabilizzata in autostrada.

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA