PRIMO CONTATTO - VOLVO XC40 RECHARGE

Brillante e molto performante grazie una potenza complessiva di 408 Cv e ben 660 Nm di coppia massima, la Suv elettrica svedese risponde sempre con prontezza ai comandi dell’acceleratore e si rivela sempre piacevole da guidare. Apprezzabile per maneggevolezza e bilanciamento l’assetto....

1/9

Oggi viaggiare alla guida di una Volvo completamente elettrica è un’esperienza particolare, ovviamente in senso positivo, ma presto diventerà una regola. Il motivo? Semplice: il costruttore svedese ha deciso di abbandonare completamente i motori termici a partire dal 2030.

E’ bene precisare come Volvo sia stata decisamente chiara sul suo futuro: dal 2030 tutte le auto commercializzate saranno elettriche. Addio quindi anche a modelli ibridi o ibridi plug-in. Questa accelerazione sarà possibile grazie a piattaforme e tecnologie condivise con Geely, mega gruppo cinese proprietario anche della Casa svedese.

Tornando alla protagonista del nostro primo test che si è svolto nel centro città di Bologna e tra le curve dei colli bolognesi, nello specifico abbiamo avuto la possibilità di provare della Volvo XC40 Recharge Pure Electric P8 AWD.

La novità svedese è spinta da due propulsori elettrici posizionati sull’asse anteriore e su quello posteriore, trazione integrale, potenza complessiva di 408 Cv, 660 Nm di coppia massima, pacco batterie da 75 kWh reali, 400 km di autonomia e 40 minuti di ricarica per passare da 0 all’80% utilizzando una presa ad alta potenza da 150 kW in corrente continua.

Esteticamente le differenze si limitano alla calandra anteriore chiusa, dato che non c’è nessun motore termico da raffreddare, ad un paio di badge dedicati e soprattutto all’assenza del bocchettone del carburante sostituito dalla presa di ricarica. Sul fronte della capacità di carica troviamo il vano anteriore da 31 litri a cui si aggiungono i 413 litri posteriori (invece dei 460 della versione termica).

Una volta a bordo inutile cercare il pulsante di accensione. Basta premere il freno e mettere il cambio in Drive e la vettura inizierà a muoversi. In mezzo al traffico abbiamo guidato la XC40 elettrica in modalità One Pedal, ovvero quando si solleva il pedale dell’acceleratore la vettura imposta al massimo la forza rigenerativa evitando così di utilizzare il pedale del freno.

Sui tracciati misti e ricchi di curve e controcurve, i 408 cavalli e soprattutto i 660 Nm di coppia massima si fanno sentire tutti, con l’auto che spinge letteralmente il guidatore contro il sedile. Nel dettaglio lo scatto da 0 a 100 km/h viene coperto in 4,9 secondi e si raggiungono i 180 km/h di velocità massima.

Nel complesso viaggiare sulla prima elettrica a marchio Volvo è sorprendentemente piacevole. Naturalmente la versione P8 vuole rappresentare l’eccellenza in termini prestazionali ma in futuro arriverà anche la versione P6 a con trazione a due ruote motrici e potenza ridotta.

Un aspetto che riceve la massima votazione è l’infotainment, grazie al debutto in anteprima mondiale della piattaforma Android Automotive.

Il nuovo sistema operativo sostituisce il precedente Sensus ed alza l’asticella della tecnologia di bordo. Tramite lo schermo da 9 pollici a sviluppo verticale si accede ad un nuovo modo di intendere la connettività di bordo, anche sul fronte degli aggiornamenti Over The Air con la possibilità di intervenire su parametri come la gestione del motore senza dover passare in officina. Per quanto riguarda l’autonomia, i 400 km sembrano realmente raggiungibili guidando ovviamente in maniera accorta. Tempi di ricarica? 2 ore da stazione da 50 kW in corrente continua, 8 ore in corrente alternata con wallbox da 11 kW.

Il tutto ad un prezzo da 59.750 euro, esclusi incentivi e agevolazioni. Se infatti avete un’auto da rottamare si possono ottenere fino a 10.000 euro di sconto, questi scendono a 6.000 euro senza la rottamazione. Inoltre prestate sempre attenzione agli incentivi regionali, che variano da regione a regione, anche in questo caso si possono ottenere ulteriori sconti.

In fatto di tecnologia la XC40 eredita i sistemi di sicurezza, connettività e infotainment delle vetture delle Serie 90 e 60, tra cui i sistemi Pilot Assist, City Safety, Run-off Road Protection & Mitigation a tutela degli occupanti in caso di uscite di carreggiata e Cross Traffic Alert con assistenza alla frenata.

1/9

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA