Porsche Macan elettrica: iniziati i test su strada

Porsche ha avviato i primi test su strada della nuova Macan elettrica, che arriverà sul mercato nel 2023 e sarà la prima Porsche costruita sulla piattaforma modulare PPE (Premium Platform Electric) presentata sulla concept Audi A6 e-tron.

1/4

Le immagini diffuse ufficialmente dalla Casa tedesca mostrano il prototipo della nuova Suv full electric con molti particolari ancora camuffati, come il design del frontale e dei gruppi ottici anteriori, mentre i fari supplementari alloggiati sul tetto sono utili per i test effettuati in condizioni climatiche estreme.

I prototipi della nuova Macan elettrica percorreranno oltre 3 milioni di chilometri su strada per mettere alla prova ogni singolo componente della vettura. Le prove su strada sono stati precedute da una serie di test virtuali e digitali dove almeno 20 prototipi sono stati sottoposti a simulazioni dedicate a aerodinamica, gestione dell'energia, il funzionamento e l'acustica.

"Raccogliamo regolarmente i dati dai vari reparti e li utilizziamo per progettare un veicolo virtuale completo che sia il più dettagliato possibile", ha precisato Andreas Huber, responsabile dei prototipi digitali di Porsche. Gli specialisti dell'aerodinamica sono tra i primi ingegneri a lavorare con un prototipo digitale.

"Abbiamo iniziato con un modello flow-around quando il progetto è iniziato circa quattro anni fa", riferisce Thomas Wiegand, Direttore dello sviluppo dell'aerodinamica. La bassa resistenza aerodinamica è fondamentale per la Macan completamente elettrica al fine di garantire una lunga autonomia. Anche piccoli miglioramenti del flusso possono fare un'enorme differenza. Gli ingegneri stanno attualmente utilizzando simulazioni per mettere a punto dettagli come i condotti dell'aria di raffreddamento. I calcoli non solo tengono conto delle diverse disposizioni dei componenti, ma riflettono anche le differenze di temperatura nella vita reale.

"Il mondo digitale è indispensabile per lo sviluppo della Macan completamente elettrica", afferma l'esperto di aerodinamica Wiegand. Il sistema di trazione elettrica, dalla batteria al motore, richiede un concetto di raffreddamento e controllo della temperatura completamente separato, molto diverso da quello di un veicolo a propulsione convenzionale.

Mentre una finestra di temperatura compresa tra 90 e 120 gradi è l'obiettivo per i motori a combustione, il motore elettrico, l'elettronica del gruppo propulsore e la batteria ad alta tensione richiedono un intervallo compreso tra 20 e 70 gradi, a seconda del componente. Gli scenari critici non si verificano sulla strada ma durante la ricarica rapida ad alta potenza a temperature esterne elevate. Tuttavia, gli sviluppatori Porsche sono in grado di calcolare con precisione e ottimizzare digitalmente posizione, flusso e temperatura.

"La simulazione ci permette di valutare dal punto di vista del guidatore i display, i processi di funzionamento e le variabili influenti durante un viaggio", ha precisato Fabian Klausmann del reparto di sviluppo della Driver Experience. In questa fase, il ruolo di "collaudatori" non viene svolto solo dagli specialisti stessi, ma anche da non esperti. Questo consente di esaminare fino all'ultimo dettaglio tutte le interazioni tra conducente e veicolo, permettendo un'ottimizzazione selettiva ancor prima che sia stato costruito il primo abitacolo reale.

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA