a cura di Redazione Automobilismo - 18 maggio 2019

Porsche 911 GT3 (992): benedetto sia l'aspirato

L'insuperabile GT3 sarà nuovamente senza turbo e manuale, con 525 CV e toccherà ancora quota 9000 giri.
1/9
La notizia è di quelle che non potrà che rendere felici tutti i futuri possessori della mitica Porsche 911 GT3. Contrariamente a quanto era stato inizialmente annunciato dai numerosi rumors apparsi in rete, voci che vedevano anche la nuova GT3 dire addio al motore aspirato per abbandonarsi all'era del turbo, la futura 992 GT3 continuerà a fare affidamento sul mitico motore 6 cilindri boxer aspirato.

1 di 2
Nello specifico sotto pelle troveremo lo stesso 4.0 litri delle Porsche 911 GT3 e GT3 RS serie 991, al quale sono state apportate alcune piccole modifiche: un sistema di scarico ridisegnato, iniettori più performanti, un peso ridotto di circa 10 kg e l'introduzione di due filtri antiparticolato (uno sul lato dello scarico, l’altro della testa). La potenza salirà fino a quota 525 CV mentre il regime massimo di rotazione continuerà a superare la quota vertiginosa dei 9.000 giri/min, con buona pace delle orecchie di tutti i futuri e fortunati possessori.
Un motore insomma strettamente imparentato con l'attuale GT3 R che potrà essere ordinato sia con il cambio automatico - che sarà però una evoluzione dell'attuale PDK (doppia frizione) a 7 rapporti dell'attuale GT3 (991.2) e non il robotizzato a otto rapporti della nuova 911 Carrera S (992) - che, udite udite, con il cambio manuale a 7 rapporti come optional. Per il resto rimarranno immutate la trazione esclusivamente posteriore e l'estrema leggerezza che da sempre contraddistingue questa sportiva di classe. Nulla, invece, c'è dato sapere almeno per ora riguardo l'aerodinamica e altre "diavolerie tecniche" come l'asse posteriore sterzante, le sospensioni pneumatiche e così via...
© RIPRODUZIONE RISERVATA