Pneumatici: quanto contano le dimensioni?

Al giorno d’oggi stiamo assistendo a una smodata e quanto mai insensata rincorsa all’adozione di pneumatici sempre più ribassati e dal diametro sempre più grande. E’ una semplice moda per una pura questione estetica oppure vi è una reale utilità che può portare a dei concreti benefici in termini prestazionali?

1/5

Sicuramente le dimensioni generali di una ruota (cerchio + pneumatico) non solo determinano l’aspetto estetico di una vettura ma ne influenzano in maniera significativa anche le prestazioni. Contrariamente però a quanto si è soliti pensare, se dal punto di vista estetico più la ruota è grande e più è bella da vedere, dal punto di vista prestazionale non sempre più una ruota è grande e maggiori sono le prestazioni che si ricavano. Cerchiamo di spiegarci meglio.

Una maggiore larghezza del battistrada garantisce un maggiore attrito e quindi una superiore tenuta a terra ma comporta anche una più alta resistenza al rotolamento e quindi consumi di carburante più elevati. Un maggiore diametro totale della ruota (cerchio + pneumatico) influenza sicuramente il rapporto finale del cambio che se da un lato causa minori accelerazioni e una maggiore velocità finale, dall’altro innesca inevitabilmente più elevati consumi di carburante. Nello stesso tempo però, opzionare una ruota di maggiori dimensioni, comporta inevitabilmente un incremento del peso a carico delle masse non sospese che si traduce in maggiori inerzie e in minore precisione di guida soprattutto in curva. Infine, una minore altezza della spalla dello pneumatico garantisce una maggiore maneggevolezza della vettura, una minore deformazione dello stesso pneumatico per una guida più precisa e reattiva ma un minore effetto ammortizzante e quindi un più basso livello di comfort.

Detto questo però, prendendo in considerazione i comuni pneumatici per vetture stradali, siano esse cittadine, sportive o SUV, molto spesso la scelta di optare per uno pneumatico di dimetro elevato e con spalla estremamente bassa si traduce unicamente in un scopo puramente estetico. Non potrebbe, infatti, essere altrimenti perché, come abbiamo detto poco sopra, se una ruota (cerchio + pneumatico) di questo tipo arriva a comportare maggiori pesi a carico della masse non sospese, maggiori inerzie, minore effetto ammortizzante e maggiori consumi allora si capisce bene come una scelta di questi tipo sia stata fatta con l’unico obiettivo di migliorare l’estetica della vettura. Naturalmente però il discorso è molto più ampio e va allargato alla specifica tipologia di vettura alla quale è applicato e alla specifica situazione nella quale la suddetta vettura verrà utilizzata.

Discorso completamente diverso è, invece, quello che riguarda gli pneumatici adottati sulle monoposto di Formula Uno. In questo caso, infatti, vi sarete sicuramente accorti che vengono usati cerchi di diametro contenuto con pneumatici dalla spalla alta. Le motivazioni sono numerose ma tutto sommato semplici. In primis il regolamento impone l’adozione di un cerchio di diametro 13 pollici e quindi per raggiungere un diametro totale ottimale si deve per forza adottare una spalla dello pneumatico alta. In secondo luogo nelle monoposto le sospensioni, troppo basse e rigide, non possono essere sfruttate per garantire un adeguato effetto ammortizzante, lavoro che viene quindi sopperito dalla generosa spalla della gomma.

In terzo luogo l’elevato carico aerodinamico e la maggiori forze e accelerazioni ai quali sono sottoposti questi pneumatici richiedono nuovamente una spalla di maggiori dimensioni. Non va poi dimenticato che un cerchio di minore diametro e una spalla di maggiori dimensioni garantiscono un minore peso complessivo a carico delle masse non sospese che si traduce in minori inerzie, maggiori accelerazioni e una superiore precisione di guida. Infine, una spalla più alta garantisce una maggiore protezione al cerchio, una migliore guidabilità e una superiore progressività nelle reazioni a terra. Chiaramente abbiamo voluto semplificare al massimo e sappiamo benissimo che la struttura di uno pneumatico da corsa è diversa da una gomma stradale, seppur sportiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News