Piattaforma Giorgio: perché quel nome?

Quale storia si cela dietro al nome della piattaforma adottata da Alfa Romeo Giulia e Stelvio?

1/7

Identificata come la piattaforma della rinascita, la piattaforma Giorgio è il fiore all’occhiello delle nuove Alfa Romeo Giulia e Stelvio. Apparve per la prima volta nel lontano 2013 e gli venne subito dato questo nome. Ma perché Giorgio? Cosa si cela dietro? La piattaforma Giorgio, nata per realizzare modelli premium di medie e grandi dimensioni, era stata progettata per fare da culla a modelli a trazione posteriore o integrale che sarebbero stati prodotti poi nello stabilimento di Cassino. Divenne fin da subito un ottimo prodotto tanto per Giulia quanto per Stelvio e fu ulteriormente affinata grazie alle numerose sessioni di test al Nurburgring. Ma da dove deriverebbe il suo nome? Perché proprio Giorgio? Beh una risposta vera e propria ancora on c’è. Alcuni dicono che si tratta di un omaggio a Tazio Giorgio Nuvolari, altri ancora a Giorgio Agnelli, fratello di Gianni. C’è chi ha pensato anche a Giorgio Pianta, il leggendario team manager Alfa Romeo che morì nel 2014.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News