di Eugenio Mosca - 01 marzo 2018

Peugeot 208 R2B da rally e 208 GTi by Peugeot Sport

Abbiamo portato in pista, a Franciacorta, le Peugeot 208 R2B da rally e la 208 GTi by Peugeot Sport, la sorellina di serie più estrema, che su strada ci ha fatto divertire alla grande e in pista ha dimostrato di essere quasi una “gemella” della versione da corsa. Qui potete gustarvi un’anteprima del servizio completo pubblicato su Automobilismo di marzo, con una ricca gallery fotografica, e salire a bordo con noi per un giro di pista.

Peugeot e sportività è un binomio praticamente inscindibile. Nelle corse ma anche su strada, pur non realizzando supercar. Prova ne sia che Peugeot Italia ha confermato per il 39° anno consecutivo i propri trofei promozionali dedicati ai clienti sportivi: Top 208; Rally 208; Club. Quindi, non solo un impegno ufficiale con la 208 T16 R5 ma anche, se non soprattutto, un prodotto come la 208 R2B che consente a piloti privati, giovani aspiranti campioni e gentleman driver, di farsi le ossa e divertirsi a costi ragionevoli. Peraltro con un supporto concreto, grazie ad un montepremi interessante e, addirittura, la possibilità per il vincitore del Trofeo Top 208 di conquistarsi un volante ufficiale per la stagione successiva; Damiano De Tommaso docet. Ma anche di ottenere risultati di prestigio a livello internazionale, come testimonia la vittoria conquistata nella categoria WRC3 nel recente Rally di Monte Carlo da Enrico Brazzoli al volante della 208 R2B schierata dalla Vieffecorse. Insomma, fatti, non parole.

Di riflesso, la Casa del Leone vanta anche una solida tradizione nel segmento delle stradali “piccole e cattive”: versioni “pompate” delle “sorelle” più tranquille spesso appositamente realizzate per ottenere la giusta omologazione per le corse, poi evolute negli anni in base proprio alle esperienze nelle corse. E’ il caso della 208 GTi by Peugeot Sport, massima evoluzione della 208 GTi, degna erede delle “bombette” che l’hanno preceduta. Le abbiamo riunite per una giornata ad alto godimento: con la stradale abbiamo raggiunto Castrezzato, dove sulla pista di Franciacorta, che presenta varie situazioni ideali per mettere alla prova una vettura (infatti da pochi giorni era andata in scena la 10^ edizione del Franciacorta Rally Show), le abbiamo spremute entrambe per benino.

DNA da corsa

L’identikit non lascia dubbi sulla vocazione sportiva di entrambe. Ovviamente la 208 R2B da corsa, con il quattro cilindri 1.6 aspirato da 190 cv a 7.800 giri/min e 19 kgm di coppia abbinato ad un cambio sequenziale Sadev a 5 marce con differenziale autobloccante meccanico, ammortizzatori Ohlins regolabili e freni anteriori autoventilati da 310 mm ospitati all’interno di cerchi da 16” (da asfalto).

La “Leoncina” stradale, per imitare quanto più possibile la sorella da corsa, risponde con un 1.6 turbo da 208 cv a 6.000 giri/min e 300 Nm di coppia a partire dai 3.000, che si traducono in una accelerazione 0-100 km/h in 6.5” e una velocità max di 230 km/h. Per tenere sotto controllo cotanta esuberanza l’assetto è stato irrigidito e abbassato di 10 mm, le carreggiate allargate di 22 mm all’anteriore e 16 mm al posteriore, montati cerchi da 18” che calzano pneumatici ribassati da 205/40 R18, un differenziale Torsen a slittamento limitato e dischi freno anteriori autoventilati da 323 mm accoppiati a pinze a quattro pompanti. Insomma, tanta roba! Così come all’interno spiccano i sedili anatomici con poggiatesta integrato.

Alto godimento

In entrambi i casi quanto basta per soddisfare anche i palati più fini. La 208 R2B è una entry level professionale, ottima per formare degli aspiranti campioni e stampare tempi di tutto rispetto anche a livello assoluto. La 208 GTi by Peugeot Sport è una sportiva senza mezzi termini, a partire dal look che non nasconde certo la propria vocazione. Noi ce le siamo godute entrambe, in pista la prima e anche su strada, isolata e senza traffico, la seconda.

Per conoscerle nei dettagli e leggere le nostre impressioni vi rimandiamo al servizio completo sul numero di marzo di Automobilismo. Intanto potete gustarvi la ricca gallery fotografica di Francesco Bruciamonti e se vi fa piacere, allacciate le cinture e salite a bordo con noi per un giro della pista di Franciacorta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultima anteprime