08 August 2022

Nuova DS7, cura rigenerante

In vendita dal 2007, lo Sport utility di punta del brand premium di Stellantis si rinnova nello stile, offre una firma luminosa più chic e propone powertrain plug-in più potenti..

1/20

La DS7, cinque anni dopo, si rilancia per continuare ad essere il modello di punta del brand del lusso alla francese. Le modifiche estetiche sottolineano la nuova personalità della vettura che si presenta con una modernizzazione che si concentra soprattutto nel frontale, che si avvicina di molto a quella alla sorellina minore, la DS 4. All’interno aumenta la qualità artigianale dei rivestimenti. Infine è stata rivista la gamma motori: oltre ad un diesel, ci sono ben tre varianti ibride plug-in.

Rilanciato in grande stile, lo Sport utility griffato DS si prepara all’appuntamento del 2024, l’anno della svolta del giovane brand premium francese di Stellantis, che da quella data in poi presenterà soltanto modelli elettrici: il primo dei quali sarà la DS 4 full electric che si andrà ad aggiungere alla DS 3 a batteria già in vendita, mentre alla fine del 2024 arriverà un modello 100% elettrico completamente inedito ispirato alla Aero Sport Lounge Concept svelata nel 2020 e che sarà un po’ più grande della DS 4, ma non sarà un vero e proprio Suv.

In prospettiva il brand punta a proporre modelli di dimensioni più grandi degli attuali sempre nell’ambito del programma dal 2024 in poi. Per quanto riguarda, invece, i mercati dove DS intende giocarsi le sue carte con i pari brand del lusso, una posizione privilegiata sarà assegnata alla Cina, senza peraltro trascurare gli altri 41 Paesi dove il marchio già sta operando.

La ambizione di DS, infine, è quella di produrre solo elettriche e con un’autonomia da 700 km se non oltre. Ma torniamo alla DS 7 model year 2022 che fa un ulteriore balzo in avanti in quanto a raffinatezza dei proiettori. I gruppi ottici principali, sempre a tre elementi, perdono il meccanismo di rotazione ma guadagnano una nuova tecnologia a matrice di Led e sono rinominati DS Pixel Led Vision 3.0 e hanno un fascio luminoso più potente e regolare, con una portata degli abbaglianti aumentata fino a 380 metri.

L’elemento più esterno, l’abbagliante, è composto da 84 Led per una gestione dell’illuminazione che è più precisa. Trentatrè Led per lato sono coperti da una superficie in policarbonato trasparente che viene colorata nella stessa tinta della carrozzeria nel lato interno e poi lavorata a laser per rimuovere la vernice e creare una sorta di effetto velo che gioca con la tridimensionalità delle forme.

Dietro, anche il portellone è completamente nuovo. In questo modo si notano delle inedite linee in rilievo alla base del lunotto che danno più movimento al design e i gruppi ottici che cambiano nella forma e nella struttura interna brunita. In mezzo ai fari, non c’è più la scritta Crossback, ma il nome del brand: DS Automobiles. Ci sono nuovi disegni per i cerchi in lega che vanno da 18 a 21 pollici.

Questi ultimi destinati alla nuova variante ad alte prestazioni E-Tense 4x4 360 che in più ha tanti dettagli in nero opaco anziché cromato, a cominciare proprio dai loghi. Le dimensioni generali, infine, parlano di un Suv lungo 4,59 metri, alto 1,62 metri e largo 1,90 metri.

Per quanto riguarda l’abitacolo, si segnala come novità un dettaglio importante come lo schermo centrale che ora prevede una diagonale da 12" , mentre in generale l’impostazione degli interni non è cambiata. Ciò che invece è aumentata è la cura per quanto riguarda la realizzazione dell’abitacolo. Come ci si aspetterebbe da una Casa di moda parigina, è possibile scegliere tra numerose tipologie di rivestimenti e materiali.

La più raffinata versione Opera, ad esempio, offre due colori di pelle Nappa, rifinite con linee in rilievo ottenute tramite goffratura. Particolari sono le impunture che riproducono l’effetto di un filo di perle. Le versioni sportive Performance Line si riconoscono per il tessuto in microfibra di Alcantara, mentre l’allestimento Bastille per il trattamento che riproduce la pelle dei pesci. Grande l’iniezione di tecnologia per la DS 7 2022.

Insieme al nuovo schermo touch da 12 pollici debutta un sistema di infotainment aggiornato, strutturato attraverso vari widget sempre a portata di mano. Apple CarPlay e Android Auto funzionano senza cavo e sul display compaiono ora le immagini delle telecamere perimetrali ad alta risoluzione. Sono di 12 pollici anche quelli del cruscotto digitale del tipo personalizzabile a piacimento.

Previsto il dispositivo di analisi per l’attenzione del conducente che attraverso una telecamera è in grado di monitorare i movimenti della testa di chi guida e delle palpebre per scongiurare colpi di sonno. Un’altra introduzione che fa la differenza durante le tratte notturne è il Night Vision che sfrutta la camera ad infrarossi per individuare nel buio pedoni, ciclisti o animali per poi mostrarli nel cruscotto digitale.

Il comfort, invece, passa per il sistema DS Active Scan Suspension, capace di regolare la taratura di ogni ammortizzatore in tempo reale per adattarlo alle condizioni del manto stradale, a sua volta analizzato da una telecamera specifica e per il dispositivo Drive Assist che abbina il cruise control adattivo con lo start & go e mantiene l’auto all’interno della corsia di marcia, portando così la guida assistita al livello 2. DS 7 model year 2022 è offerta con un motore diesel BlueHDi da 130 Cv e con tre powetrain ibridi ricaricabili. Si comincia con la E-Tense 225 con il benzina PureTech da 180 Cv e un elettrico da 110 Cv.

L’automatico è a 8 marce e la trazione è sulle ruote anteriori. Arrivano poi la E-Tense 4x4 300 e la E-Tense 4x4 360, entrambe a quattro ruote motrici e un motore benzina da 200 Cv che è stato messa a punto dai tecnici di DS Performance e dispone di un’unita elettrica sull’asse anteriore da 110 Cv e da 112 Cv sul posteriore a garanzia della trazione 4x4.

L’assetto è stato modificato, con ruote da 21 pollici e freni anteriori con diametro di 380 millimetri. Ridotta anche l’altezza da terra, per prestazioni di tutto rispetto con appena 5,6 secondi per lo 0-100 km/h. Tutte le varianti plug-in sono dotate di una nuova batteria da 14,2 kWh che consente di percorrere fino a 65 km a emissioni zero e fino a 81 km nel ciclo urbano. Si ricarica, inoltre, all’incirca due ore con il caricatore di bordo da 7,4 kW. I prezzi? Da definire.

1/15

Le ultime news video

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA