a cura di Redazione Automobilismo - 30 maggio 2019

Nuova BMW Serie 1: si passa alla trazione anteriore

Addio alla trazione posteriore in favore di un maggiore spazio a bordo e di una dinamica di guida altrettanto piacevole e coinvolgente. Prezzi da 28.100 euro.

1/18

Basata sulla nuova piattaforma FAAR, diretta evoluzione della UKL2, quella adottata dalle Serie 2 Active Tourer e Gran Tourer e dalle X1 e X2 per intenderci, la nuova BMW Serie 1 abbandona la ormai ben nota impostazione con trazione posteriore e motore anteriore longitudinale per lasciare spazio a una più classica impostazione con trazione anteriore e motore anteriore trasversale.

1 di 4

Acquistabile sul mercato italiano a partire da ottobre 2019, la terza generazione della Serie 1 verrà proposta nell’unica variante di carrozzeria con 5 porte e, a ben sentire i progettisti di Monaco di Baviera, con una maggiore abitabilità a bordo sia per le file anteriori che per quelle posteriori. Lunga 432 cm, larga 179 cm, alta 143 cm e con un passo di 267 cm, la nuova “entry level” dell’Elica modifica la sua silhouette in prospettiva di una impostazione tipica delle vetture a trazione anteriore. Addio quindi al lungo cofano motore e all’abitacolo arretrato e spostato più verso l’assale posteriore per proporzioni più classiche e più simili alle sue dirette rivali in questo segmento.

Guardandola da vicino si notano all’anteriore la generosa mascherina con doppio rene centrale e i nuovi fari a led inclinati all’insù; nella vista laterale spiccano una linea di cintura alta, maggiori nervature e una linea un filo meno slanciata; al posteriore fanno bella mostra di se i nuovi fari a led orizzontali e il piccolo lunotto. Saliti a bordo, invece, non passano inosservati il maggiore livello di qualità e di spazio offerto dalla nuova generazione. A crescere però non è solo l’abitabilità ma anche la capacità di carico che tocca quota 380 litri che salgono fino a 1.200 litri quando si abbatte lo schienale posteriore. A livello tecnologico, infine, non possiamo non citare il nuovo sistema multimediale BMW di settima generazione con schermo da 10,25 pollici, connessione a internet, comandi vocali e gestuali.

A pulsare sotto il cofano sarà poi possibile trovare, almeno al lancio, 2 motori benzina e 3 motori diesel. Sul fronte della verde la scelta potrà ricadere tra il il 3 cilindri da 1.5 litri con 140 CV e 220 Nm della 118i oppure il 4 cilindri da 2.0 litri con 306 CV e 450 Nm della M135i xDrive. Sul fronte del gasolio, invece, i motori a disposizione saranno il 3 cilindri da 1.5 litri con 116 CV e 270 Nm della 116d, il 4 cilindri da 2.0 litri con 150 CV e 350 Nm della 118d oppure il 4 cilindri da 2.0 litri con 190 CV e 400 Nm della 120d xDrive. Come dicevamo la trazione potrà essere anteriore o integrale intelligente xDrive mentre i cambi potranno essere manuali a 6 marce (118i, 116d e 118d) o automatici a doppia frizione e 7 rapporti (118i e 116d) o ancora automatici con convertitore di coppia e 8 rapporti (118d, 120d e M135i xDrive). Nello specifico la versione M135i xDrive sfrutterà uno Steptronic in versione Sport e un differenziale autobloccante meccanico di tipo Torsen sull'asse anteriore.

Sotto pelle, infine, la nuova BMW Serie 1 vanterà sospensioni anteriori McPherson con doppio snodo, sospensioni posteriori Multilink, ammortizzatori adattivi e la tecnologia ARB, una sorta di limitatore attivo di slittamento delle ruote. Disponibile in sei diversi allestimenti (Advantage, Business, Sport, Luxury, MSport e M135i), la nuova BMW Serie 1 attaccherà il listino con un prezzo base di 28.100 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le utime Anteprime