a cura di Redazione Automobilismo - 29 maggio 2019

Nissan: muore prima la vettura del pacco batteria

Gli accumulatori della Casa giapponese potrebbero durare fino a 22 anni grazie al riciclo e al riutilizzo.

Nissan Leaf

Secondo uno studio condotto su ben 400.000 Nissan Leaf vendute in Europa dal 2011 ad oggi, il pacco batterie installato su queste vetture dovrebbe essere in grado di durare fino a 22 anni prima della completa dismissione e del successivo riciclo. Dopo, infatti, un utilizzo di circa 10 anni, equivalente alla vita media di una vettura, queste batterie sarebbero in grado di svolgere il loro lavoro per 10 o persino 12 anni ancora.

Anni nei quali queste batterie potrebbero essere sfruttate per una seconda vita come accumulatori, impianti di stoccaggio, powerbank, ecc ecc. Ecco perché importantissimo sarà il riciclo e il riutilizzo di questi pacchi batteria anche quando non più adatti a movimentare una vettura cioè quando la loro efficienza scende al di sotto del 80%. Nissan starebbe studiando alcuni tipi di sistemi veicolo-rete; l’idea è quella di bilanciare i picchi di assorbimento accumulando energia e restituendola alla rete quando le vetture non vengono utilizzate. Questo progetto pilota avrebbe preso il via in Danimarca grazie alla collaborazione con Enel.

© RIPRODUZIONE RISERVATA