Nissan ePower: l’elettrica che gioca a fare la termica

Propulsione elettrica, niente presa di ricarica e batterie alimentate da un motore endotermico a benzina sono le caratteristiche della nuova tecnologia elettrica giapponese.

1/8

Al Salone dell'Auto di Ginevra la Casa automobilistica di Yokohama ha presentato la tecnologia ePower, una nuova interpretazione della trazione puramente elettrica che in Giappone ha già ottenuto un forte successo, spopolando su modelli come la Note ePower e la monovolume Serena ePower. Queste nuova tecnologia, che non andrà a sostituire ma ad affiancare quella adottata sulla Nissan Leaf, è una nuova visione di elettrico che si avvale di una propulsione puramente elettrica, un pacco batterie ad alimentare il motore elettrico, nessuna presa di ricarica esterna e un motore endotermico a benzina con funzione di range extender (generatore elettrico) a ricaricare il pacco batterie. Insomma, una vera e propria vettura ibrida in serie che si differenzia dal classico ibrido parallelo per il fatto che in questo secondo caso vengono utilizzati entrambi i motori per la trazione, mentre qui a spingere il veicolo è unicamente il motore elettrico che trae l’energia dal motore termico.

Sia 2WD che 4WD

Nel nuovo powertrain per modelli elettrificati, il motore termico ruota a un regime costante per la massima efficienza, così da abbattere consumi ed emissioni rispetto ai modelli tradizionali, ed è declinato alla ricarica in modo continuo della batteria ad alta capacità ma da pochi kWh. Inoltre, può essere implementato sia per modelli a due ruote motrici sia su veicoli a trazione integrale, perfetto per le future Qashqai e X-Trail, ed elimina completamente la dipendenza da una colonnina di ricarica elettrica perché si affida unicamente al generatore, che in questo caso è rappresentato dal motore termico, e sposa in toto il classico rifornimento alla pompa del carburante. Fra i vantaggi citati da Nissan ci sono la costante e rapida accelerazione, la tanta coppia disponibile già da fermo, la non necessità di doverla ricaricare alla presa di corrente e il significativo abbattimento dei consumi e delle emissioni.

1/5
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News