a cura di Redazione Automobilismo - 30 settembre 2019

Neopatentati: quali elettriche fanno per loro?

I limiti di potenza e rapporto potenza/peso rimangono i medesimi ma le regole di immatricolazione delle elettriche gioca a loro favore. Scopriamo il perché

1/8

Cosa dice la legge?

Dopo avervi spiegato quali normative devono rispettare le “comuni” auto per poter essere guidate dai neopatentati (QUI il nostro articolo), ora vi spieghiamo quali sono le caratteristiche che devono, invece, avere le moderne auto a batteria o elettriche, che dir si voglia, per poter essere guidate da un neopatentato. In primis vi possiamo dire che sono soggette alle stesse normative che regolano le auto con motore tradizionale cioè endotermico (benzina, diesel, gpl e metano). Se si è un automobilista fresco di patente o con patente da meno di un anno allora non si possono guidare auto con un rapporto tra potenza e peso superiore a 55 kW per tonnellata e oltremodo con una potenza massima superiore ai 70 kW o 95 CV. Bene, questa normativa ha validità anche per le auto a batteria.

Uguale per le elettriche?

Ecco però che per questa particolare categoria nascono alcune piccole ma importanti novità. In un nostro precedente articolo (QUI per leggerlo) (QUI per leggere ancora) vi avevamo spiegato come viene omologata la potenza per un’auto a batteria, una particolare normativa che porta le elettriche ad avere a libretto un valore di potenza inferiore a quello realmente erogato dai suoi motori elettrici. Se a questo aggiungiamo che spesso, complice il pacco batteria e il motore elettrico, queste auto sono più pesanti delle corrispettive auto con motore endotermico, capite bene come nella scelta di una vettura elettrica per un neopatentato ci si può spingere anche oltre alle classiche “piccole” o cittadine che di solito, invece, sono le uniche a poter essere tenute in considerazione.

E per le ibride?

Un discorso in parte simile può essere fatto per le ibride che, se da un lato sono affette da un maggiore peso rispetto alle corrispettive con motore solamente termico, dall’altro lato riportano a libretto come valore di potenza omologata solo la potenza effettiva del motore termico, rilasciando invece quella del motore elettrico. Un più basso valore quindi di potenza e un peso leggermente superiore potrebbe far risultare qualche ibrida all’interno delle auto acquistabili e guidabili anche da un neopatentato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News