Nel Canton Ticino si punta a strade più silenziose

Posati 216 chilometri di asfalto fonoassorbente ma ridotti anche i limiti di velocità e installati numerosi nuovi radar e autovelox. Meglio prestare attenzione.

1/3

Nelle ultime settimane lungo la strada cantonale che da Cugnasco-Gerra porta a Locarno sono stati ripetutamente abbassati i limiti di velocità. Stando alle prime indiscrezioni sembra proprio che la motivazione non sia un fattore di sicurezza ma più che altro un aspetto di inquinamento ambientale e acustico. «L’Ordinanza federale contro l’inquinamento fonico impone il risanamento fonico delle strade cantonali e comunali. È una questione di qualità di vita dei cittadini. In Ticino sono state individuate diverse tratte sensibili, sparse un po’ in tutte le zone del Cantone». Queste le parole di Carlo Celpi, capostaff della Divisione delle costruzioni.

Con queste precise parole Celpi ha precisato che nel Canton Ticino si punta ad abbassare l’inquinamento acustico, realizzando strade più silenziose. Per farlo verranno posati ben 216 chilometri di asfalto fonoassorbente. Nello stesso tempo però verranno ridotti anche i limiti di velocità fino a quel momento in vigore e verranno anche installati numerosi nuovi radar e autovelox per verificare che gli automobilisti rispettino i nuovi limiti.

Questo abbassamento improvviso dei limiti di velocità e la conseguente installazione di nuovi radar e autovelox inizia però a preoccupare gli automobilisti che temono di incappare in sanzioni pecuniarie, legate alla posa di eventuali radar. Un scelta che naturalmente ha destato non poco clamore, scalpore e smarrimento. Per Celpi però verrà dato ai cittadini il tempo necessario per abituarsi ai nuovi limiti di velocità. Queste le sue parole in merito: «Il nostro compito è quello di attuare misure concrete previste per il risanamento fonico, tra le quali la posa della segnaletica per le modifiche dei limiti di velocità. Spetta al singolo cittadino poi prestare attenzione ai limiti. E all’autorità di polizia verificarne il rispetto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News