a cura di Redazione Automobilismo - 20 novembre 2018

Milano Area B: dal 25 febbraio si fa sul serio

La zona a traffico limitato più grande d’Italia darà un forte stretta soprattutto alle motorizzazioni a gasolio con giri di vite sempre più stringenti dal 2019 al 2030.
  • Salva
  • Condividi
  • 1/4

    Con un ritardo di circa un mese, rispetto a quanto previsto in un primo momento, l’Area B di Milano entrerà in vigore determinando lo stop definitivo ai diesel Euro 3. Dal 25 febbraio 2019 quindi su un’area estesa 129 km quadrati, pari al 72% del territorio comunale, all’interno dei quali vivono il 98% dei cittadini milanesi, ovvero la zona a traffico limitata più estesa d’Italia, entrerà in vigore il divieto d’ingresso e di circolazione ai veicoli a benzina Euro 0 e a quelli diesel fino all'Euro 3 (con e senza FAP/DPF).

    Stop totale ai diesel nel 2030

    La durata settimanale delle limitazioni sarà dal lunedì al venerdì, dalle ore 7.30 alle 19.30. Dal 1° ottobre 2019 però non potranno più circolare anche le diesel Euro 4 senza Fap e le Euro 3 e 4 con Fap di serie. Per arrivare al 2030 quando tutti i motori Diesel, indipendentemente dall’omologazione, saranno soggetti a limitazioni. Non devono invece pagare ticket (a differenza di Area C) i veicoli autorizzati a entrare.

    Entrata in vigore graduale

    I varchi preposti al controllo, zone di accesso in cui verranno installate apposite telecamere per il controllo degli accessi, saranno in totale 188 ma la loro installazione avverrà in modo graduale da febbraio 2019 a ottobre 2020. Inizialmente ne verranno attivati solamente 15 (vie Anassagora, Pirelli, Sarca, Giuditta Pasta, Gallarate, Tofano, Basilea, Zurigo, Gonin, Baroni, Cassinis, Rogoredo, Carlo Feltrinelli, Mecenate, Fantol) per poi attivarne altri 78 da marzo, arrivare a 98 entro la fine del 2019 e terminare a 188 varchi entro ottobre 2020.

    Il giusto tempo per adeguarsi

    Per fortuna però l’introduzione della nuova ZTL sarà graduale e darà modo a chiunque di capirne il funzionamento e di mettersi in regola con le nuove normative. Nei primi dodici mesi di attuazione del provvedimento tutti avranno cinquanta giorni di libera circolazione. Al primo accesso l'automobilista riceverà via posta un alert che spiega il funzionamento del provvedimento e a iscriversi al portale per controllare e gestire gli accessi disponibili. Dal secondo anno di entrata in vigore di Area B i residenti a Milano e le imprese della città avranno 25 giorni all'anno di libera circolazione, tutti gli altri solo cinque giorni. Le sanzioni quindi scatteranno solamente allo scadere di questi “gettoni” di libero accesso e circolazione.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultima anteprime