Nuova Mercedes-EQ EQE, sarà così?

La Mercedes EQS, controparte elettrica dell' ammiraglia Classe S è un vero concentrato di lusso e tecnologia avanzata e promette di ridefinire gli standard nella sua sottile e rarefatta fascia di mercato lusso. Ma a Stoccarda si procede velocemente anche con lo sviluppo e i collaudi di un altro modello molto interessante. Parliamo della futura EQE, di cui vi proponiamo due rendering e ...

1/6

La Mercedes EQS controparte elettrica dell' ammiraglia Classe S è un vero concentrato di lusso e tecnologia avanzata e promette di ridefinire gli standard nella sua sottile fascia di mercato premium.

Ma a Stoccarda si procede velocemente anche con lo sviluppo e i collaudi di un altro modello interessante e certamente più atteso, la prossima EQE, che ha lo scopo preciso di rivolgersi ad un pubblico molto più ampio e se vogliamo analogo a quello della Classe E.

La nuova berlina elettrica tedesca vanta sbalzi corti, e nella parte anteriore, l'EQE indossa la tipica mascherina anteriore dei modelli EQ con la Stella al centro e i due fari uniti da una sottile striscia luminosa a Led, come i due gruppi ottici posteriori. Gli specchietti retrovisori saranno collocati in una posizione differente per migliore l' aerodinamica del modello ed i fianchi sono muscolosi; le batterie, disposte tra i due assi, regalano un pavimento piatto.

Nel complesso, l'EQE sembra ancora più sportiva della più grande EQS, che non riesce a dissimulare la sua notevole altezza, almeno nella parte posteriore. Secondo le prime indiscrezioni. la nuova EQE sarà inizialmente equipaggiata con due motori elettrici, ciascuno per ogni asse, con una potenza complessiva di circa 400 cv.

Una versione entry-level a trazione solo posteriore potrebbe essere presentata in un secondo momento e dovrebbe esserci anche una potente variante AMG, con un notevole aumento delle prestazioni, una maggiore potenza sull' asse posteriore ed anche una punta massima più elevata.


Le portiere forniscono l'accesso a un interno tanto spazioso quanto futuristico, che è già progettato per future varianti della guida autonoma. L' MBUX "Hyperscreen" già visto sulla EQS, che combina visivamente tre schermi sotto una superficie di vetro curva dovrebbe essere offerto anche sull'EQE.

Consiste di fatto in due display OLED, più luminosi per fronteggiare la luce ambiente in quanto non riparati dalla cornice della strumentazione, e un tradizionale LCD davanti al guidatore. Il maxidisplay visualizza anche la navigazione con Electric Intelligence, che programma il percorso più comodo e veloce, pause di ricarica incluse, e reagisce in modo dinamico alle code o ad una variazione dello stile di guida.

L'EQE sarà assemblata in Germania nello stabilimento di Sindelfingen e a Pechino per il mercato cinese. Servirà ancora un po’ di tempo per poter vedere la versione definitiva di questo modello: potrebbe venir rivelata tra la seconda parte del 2021 e l’inizio del 2022, anno in cui dovrebbe arrivare anche sul mercato.

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA