a cura di Redazione Automobilismo - 13 ottobre 2018

Mercedes Classe S: in arrivo la guida autonoma di livello 3

Con la prossima generazione, prevista per il 2020, l’ammiraglia tedesca si doterà della guida autonomo di livello 3.
  • Salva
  • Condividi
  • 1/2

    Come da tradizione della Stella le nuove tecnologie vengono implementate in primis sui modelli di punta per poi essere inserite a cascata anche su tutti gli altri modelli della gamma. Un’abitudine che in Mercedes hanno disatteso solamente una volta, quando hanno deciso di introdurre il nuovo sistema multimediale MBUX in primis sulla nuova ClasseA, entry level della gamma, per poi estenderlo a tutti gli altri modelli. Ora però si torna alla normalità e la guida autonoma di livello 3 (vera e propria) verrà installata a bordo della futura Mercedes Classe S. A rivelare la notizia è stato lo stesso Ola Källenius, futuro erede di Dieter Zetsche, che, durante un'intervista rilasciata ad Automotive News, ha fornito qualche anticipazione sull'erede della più lussuosa delle quattro porte di Stoccarda.

    Fa tutto da sola

    Sulla nuova generazione dell’ammiraglia tedesca, attesa per il 2020, troveremo, infatti, non solo gli ultimi ritrovati in materia di sistemi multimediali e di infotainment ma anche un pacchetto di sistemi di sicurezza e assistenza che, affiancati da un sistema di intelligenza artificiale, garantiranno alla nuova Classe S un livello 3 nella scala da 1 a 5 per le auto a guida autonoma. Il nuovo sistema intelligente sarà in grado in alcune condizioni di prendere il controllo totale dell'auto, permettendo al guidatore di staccare le mani dal volante.

    Questione di leggi

    Un sistema si evoluto ma dopotutto già disponibile in gamma da qualche tempo. Si perché, come successo anche per Audi con l’ammiraglia A8, non sono le Case ad essere indietro nella progettazione e nello sviluppo di questi dispositivi e sistemi ma è la legislatura a non essere al pari non proponendo un codice della strada adeguato all’utilizzo di questi dispositivi. Ecco perché tanto Audi con l’A8 quanto Mercedes con la Classe S, seppur provvisti di questi sistemi, hanno sempre dovuto lascarli latenti o disattivati, non essendoci le dovute condizioni legali e assicurative.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultima anteprime