McLaren 765LT: Woking alza ulteriormente l’asticella delle prestazioni

Basata sulla 720S ma sapientemente alleggerita e potenziata, vanta performance da capogiro (765 CV e 800 Nm) , un peso piuma (1.229 kg) e un’aerodinamica ancora più efficiente.

1/14

La Casa di Woking cala l’asso e svela un nuovo modello della famiglia long tail (coda lunga). Stiamo parlando della nuova McLaren 765LT, diretta evoluzione della già rabbiosa 720S, che verrà prodotta in edizione limitata a soli 765 esemplari con un prezzo però ancora tutto da comunicare. Basata sulla 720S ma sapientemente alleggerita e potenziata dagli ingegneri inglesi, la nuova 765LT fa largo uso della fibra di carbonio tanto per gli esterni e gli interni quanto per la carrozzeria, elementi aerodinamici e alcuni elementi meccanici. Vi basti pensare, infatti, che splitter anteriore, paraurti, minigonne, diffusore ed alettone posteriore sonon in fibra di carbonio, lo scarico è in titanio, i cristalli sono ridotti all’osso e buona parte della carrozzeria è in carbonio. Tutte scelte progettuali che hanno permesso di fermare l’ago della bilancia a soli 1.229 chilogrammi a secco cioè ben 80 chilogrammi in meno rispetto alla già prestazionale 720S.

Sotto pelle poi giace un poderoso V8 biturbo benzina di 4,0 litri, portato a 765 CV e 800 Nm di coppia, a cui si accoppia naturalmente la sola trazione posteriore e un cambio doppia frizione a sette 7 rapporti, modificato per rendere le cambiate più veloci del 15% rispetto alla 720S. Pur facendo volentieri a meno dell’elettrificazione e di qualsiasi ammennicolo elettrico o ibrido, la Super Series inglese è comunque in grado di bruciare lo 0-100 km/h in appena 2,9 secondi e di archiviare la pratica dello 0-200 km/h in soli 7,2 secondi, tempistiche davvero niente male! A completare il pacchetto poi di un contenuto tecnico-meccanico di tutto rispetto ci pensano una deportanza aumentata del 25% rispetto alla 720S, un assetto ribassato di 5 mm con nuove molle per le sospensioni, diversa taratura del sistema di controllo dell’assetto e diversa regolazione del sistema di sterzo per renderlo ancora più diretto e preciso. Immancabile, infine, l’impianto frenante con dischi carboceramici e pinze di derivazione McLaren Senna pronti a frenare cerchi in lega forgiati con pneumatici Pirelli Trofeo R da 245/35-ZR19 all’anteriore e 305/30-ZR20 al posteriore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le utime Anteprime