a cura di Redazione Automobilismo - 10 febbraio 2020

Mazda RX-9: 6 cilindri in linea o Wankel?

Al posto del motore rotativo, da sempre utilizzato dalle versioni RX, la nuova coupé sportiva potrebbe avvalersi di un classico propulsore 6 cilindri in linea.

1/7

Con sempre maggiore frequenza si stanno susseguendo in rete notizie in merito a una possibile erede delle iconiche Mazda RX-7 e RX-8. Vista fino adesso esclusivamente in versione prototipo e denominata per l’appunto RX-Vision, questa nuova coupé sportiva potrebbe presto arrivare sulle nostre strade con il nome di RX-9. Fino ad oggi però tutte le fonti e le indiscrezioni accreditavano a questa futura sportiva l’adozione di un nuovo motore rotativo Wankel, architettura alla quale la casa giapponese è legata dagli Anni 60 e che da sempre identifica la versioni sportive RX.

Ora però sembra aprirsi una nuova strada con qualche fonte che indica come la futura Mazda RX-9 potrebbe avvalersi di un più “comune” motore endotermico alternativo 6 cilindri in linea in grado di erogare una potenza massima di ben 400 CV. Potrebbe in questo caso trattarsi del 6 cilindri in linea che la Mazda sta sviluppando per una piattaforma specifica a trazione posteriore destinata a modelli esclusivi e di prestigio. Se così fosse la Mazda RX-9 potrebbe beneficiare di questa nuova piattaforma e di questa nuova unità a 6 cilindri, abbandonando definitivamente il motore rotativo. Manterrà almeno il nome RX? Sarà realmente il 6 cilindri la scelta definitva? E questo motore farà parte della gamma SkyActiv-G o della nuova famiglia SkyActiv-X? Non ci resta che aspettare…

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News